NHS sette giorni su sette, solo un bel titolo da prima pagina?

NHS sette giorni su sette, solo un bel titolo da prima pagina?

 

David Cameron, durante il suo primo discorso dopo la vittoria alle elezioni generali, ha rinnovato le promesse per quanto riguarda il futuro dell’NHS: un servizio sanitario nazionale disponibile sette giorni su sette.

Cameron entro il 2020 intende incrementare il fondo riservato all’NHS di almeno £ 8 miliardi con la promessa di assumere 5000 nuovi medici di base. Tuttavia, il capo del NHS e diverse associazioni mediche hanno espresso immediatamente i loro scetticismi a riguardo. «L’idea che si possa ottenere una cosa del genere senza risorse aggiuntive è davvero frivola », ha esordito Normal Lamb, deputato liberal democratico ed ex ministro della salute.

Cameron infatti non ha spiegato durante il suo discorso come intende finanziare l’NHS né come farà ad assumere così tanti nuovi medici di base dal momento che l’ente pubblico in questione ne è già carente.

Prima delle elezioni, i conservatori avevano appoggiato il piano di Simon Stevens mirato a colmare il deficit di finanziamento dal valore stimato di £ 30 miliardi all’anno entro il 2020. L’obiettivo è quello appunto di ridurlo a £ 22 miliardi attraverso risparmi e contribuenti.

Secondo il presidente della British Medical Association Dr Mark Porter però, gli £ 8 miliardi promessi dal Primo Ministro sono il minimo necessario per far sì che l’NHS continui a garantire ciò che sta già offrendo, e non riusciranno a finanziare ulteriori servizi. In zone non altamente popolate come il Devonshire, ci sono ambulatori dove opera solo un medico di base e sarebbe quindi impossibile avere una persona in servizio sette giorni su sette.

E’ anche vero che come dice Cameron: «Le malattie non sono in servizio solo dalle nove alle cinque e durante i giorni della settimana… e neppure noi dovremmo esserlo.» L’idea di avere servizio sanitario nazionale disponibile sette giorni su sette è ottima e meritevole, tuttavia, senza i fondi necessari e le giuste basi rischia di rimanere solo un bel titolo da prima pagina.

 

Martina Bet

Londra, 21/5/2015