Mascherina e distanziamento sociale: il cambio di rotta di Boris Johnson

Il primo ministro si appresta a rendere obbligatoria la mascherina nei negozi del Regno Unito

Mascherina e distanziamento sociale: il cambio di rotta di Boris Johnson

Articolo aggiornato alle ore 8.56am del 14 luglio

Cambio di rotta per il premier Boris Johnson passato dallo stringere mani e girare senza protezione, a indossare la mascherina e salutare utilizzando il gomito. Con, di mezzo, anche il ricovero tre mesi fa in terapia intensiva per aver contratto il covid-19.

Proprio questa mattina il primo ministro britannico ha fatto visita alla London Ambulance Service per complimentarsi con tutto il personale medico e paramedico per il lavoro svolto da quando è scoppiata la pandemia, e per l’occasione ha indossato una mascherina e salutato toccando il gomito di chi aveva di fronte.

L’occasione è stata anche utile per incontrare dei giornalisti con i quali anticipare alcune delle prossime azioni che verranno intraprese dal governo su tutto il territorio nazionale, partendo proprio dall’utilizzo della mascherina che, lo stesso Boris Johnson, ha definito “essenziale per contenere il contagio” e che tutti dovrebbe indossare.

Infatti, ad oggi è obbligatoria indossarla solo sui mezzi pubblici ma nel giro di qualche giorno, secondo il piano di Downing Street, diventerà obbligatoria anche all’interno dei negozi a partire dal prossimo 24 luglio

Coloro che verranno scovati all’interno dei negozi pubblici senza indossare la mascherina verranno multati fino a £100. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha dichiarato che sui trasporti pubblici della capitale, da quando è obbligatorio indossare la mascherina ossia dal 15 giugno, circa 18.500 persone sono state fermate per non aver indossato la copertura facciale con 59 multe emesse.

Il valore che una mascherina ricopre basata su conferme scientifiche – ha detto Johnson – è comprovata per stoppare le goccioline che vengono emanate mentre si parla, evitando che vengano diffuse nell’aria. Credo che nei negozi sia molto importante indossare una copertura per il viso, sia per difendere la propria salute, che per preservare quella degli altri“.

Ad oggi in tutto il paese i contagiati totali sono 289.603 e le vittime 44.819 ma solo in ambito ospedaliero. Secondo l’ONS, l’istito britannico di statistica, i numeri sarebbero molto più grandi, dato che nel conteggio giornaliero il governo e l’NHS non prendono in considerazione coloro che hanno perso la vita nelle case di riposo e nelle abitazioni private, dato che in questo caso servirebbe un’analisi più attenta sulla cause se sono effettivamente legate al contagio da coronavirus.

@AleAllocca


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.