Bank holiday per il funerale della regina. Ma non tutto sarà chiuso

Il Consolato italiano sarà aperto. Ecco come funzionerà la giornata di lunedì

Bank holiday per il funerale della regina. Ma non tutto sarà chiuso

 

Lunedì prossimo, 19 settembre, giorno in cui sarà celebrato il funerale della regina Elisabetta II, è stato dichiarato Bank Holiday dal governo britannico.

Una decisione che avrà delle ripercussioni sulla quotidianità dei londinesi, così come per il resto del Regno Unito. Le scuole e gli asili rimarranno chiusi e lo stesso varrà per molte aziende. La decisione, tuttavia, spetta ai singoli datori di lavoro.

Il Consolato Italiano a Londra, per esempio, resterà aperto e continuerà a fornire i propri servizi.

Per quanto riguarda i supermercati, per esempio, Morrisons e Sainsbury’s hanno confermato che gli store più grandi rimarranno chiusi mentre le stazioni di rifornimento della benzina apriranno solo dalle 17 alle 22.

Tesco ha deciso che riaprirà i punti vendita più piccoli dalle 17, per permettere ai dipendenti di omaggiare Sua Maestà durante la giornata.

Ocado ha cancellato tutte le consegne previste per la giornata mentre Lidl e Aldi resteranno chiusi tutto il giorno in segno di rispetto. Anche i dipendenti di Asda potranno guardare il funerale perché i negozi riapriranno solo alle 17 di lunedì.

M&S non aprirà i suoi punti vendita e sospenderà le consegne, con qualche eccezione a Londra e Windsor, dove dovrà fornire supporto alla folla accorsa per omaggiare la sovrana nel suo ultimo viaggio.

John Lewis e Waitrose chiuderanno quasi tutti i loro punti vendita e lo stesso hanno annunciato anche Primark, WH Smith, Poundland e i grandi store di DIY Homebase e B&Q.

Anche le grandi catene cinematografiche, com Cineworld, hanno scelto di rimanere chiuse per l’intera giornata in segno di rispetto.

Poi ci sono anche state scelto che hanno causato non poche polemiche, come nel caso del Center Parcs, società che possiede sei villaggi vacanza immersi nella natura in tutto il paese; è stata fortemente criticata poiché ha deciso di chiudere tutto il giorno per permettere ai dipendenti di partecipare al lutto nazionale.

Inizialmente, aveva chiesto ai propri ospiti di lasciare le strutture prenotate entro le 10 del mattino e di non tornare prima di martedì. Un annuncio poi ritrattato e ora chi si trova nella struttura potrà rimanere per il tempo prenotato. Chi invece aveva previsto di arrivare lunedì, dovrà trovare un’altra sistemazione.