Wayne Rooney si prepara a festeggiare le 100 presenze in Nazionale

wayne-rooney-celebrates.ashx
Wayne Rooney esulta dopo avere segnato contro San Marino (foto: www.thefa.com)

 

Inghilterra – Slovenia (sabato 15 novembre, ore 5 p.m., Wembley stadium, biglietti ancora disponibili) rappresenta un’ottima occasione per vedere da vicino la squadra dei “Tre Leoni”, impegnata nella corsa alle qualificazioni ai prossimi Campionati europei.

Ma c’è anche un motivo “dentro” il match per seguire l’evento. Lo “skipper” Wayne Rooney vestirà infatti la sua centesima maglia della nazionale, entrando di diritto tra le leggende del calcio inglese. L’attaccante del Manchester United ha rilasciato una lunga intervista al sito ufficiale della Federazione inglese (www.thefa.com) in cui ha ricordato le tante emozioni provate nelle 99 partite con la nazionale ma ha aggiunto che il suo vero obiettivo è di conquistare un trofeo con l’Inghilterra: il “leone” non ha perso la fame, nemmeno undici anni e mezzo dopo il suo esordio con la selezione inglese a soli 17 anni.

Ha aggiunto Rooney: “Noi tutti crediamo gli uni negli altri, crediamo nella nostre capacità e vogliamo dimostrare che siamo una squadra vera”. E ancora: “E’ un grande risultato raggiungere le cento presenze. Non ci sono molti giocatori che lo hanno fatto (sono otto, ndr). Sono orgoglioso di entrare a far parte di questo club, io e la mia famiglia siamo onorati”. 

A proposito di emozioni, Rooney ha fatto sapere che “il momento culminante per me è la sensazione che si prova dopo aver cantato l’inno nazionale, quando ogni volta si capisce che cosa significa per i tifosi e il paese giocare con la Nazionale”.

Idolo assoluto dell’Old Trafford, covo dei red devils del Manchester United ma rispettato in ogni stadio del mondo nel quale ha giocato, Wayne Rooney è nato a Liverpool il 24 ottobre 1985 e ha segnato 219 reti ufficiali per lo United, con il quale ha vinto cinque campionati e una Champions League.