UK lancia il pass vaccinale. Sarà disponibile sull’app dell’NHS

Sarà il primo concreto sistema per dimostrare di essersi sottoposti al vaccino, ai tamponi o di aver sviluppato gli anticorpi

UK lancia il pass vaccinale. Sarà disponibile sull’app dell’NHS

 

Mentre a livello internazionale si sta dibattendo sul rilancio del settore turistico e sull’introduzione di una sorta di passaporto vaccinale che permetta alle persone di spostarsi con più facilità tra paesi, il Regno Unito spinge sull’acceleratore e concretizza questo special pass attraverso l’app ufficiale dell’NHS, il sistema sanitario nazionale.

Già ora sull’app è possibile consultare i propri dati personale, il proprio numero di iscrizione NHS e anche se si è ricevuto uno, o due dosi di vaccino. Sarà proprio questa informazione che dall’inizio della settimana prossima si trasformerà in un pass virtuale utile da mostrare per ottenere quelle agevolazioni necessarie per spostarsi con più facilità tra i vari paesi. Pass vaccinale che risulterebbe utile soprattutto per evitare periodi di auto-isolamento una volta rientrati nel paese d’origine.

Lo stesso sistema sarà adottato a livello europeo, e Bruxelles ha anticipato che molto probabilmente si tratterà di un QR code da mostrare prima di varcare i confini nazionali. Ma ancora non è chiaro come verrà gestito questo codice: se dovà essere stampato, mostrato sul cellulare o sarà presente su una app dedicata.

Il Regno Unito, invece, punterà su una piattaforma già operativa, per l’appunto quella dell’NHS, dalla quale sarà possibile mostrare alle autorità preposte, alla dogana o durante l’imbarco su un aereo, l’informazione necessaria per dimostrare di essersi sottoposti alla doppia dose di vaccino anti Covid.

Infatti, è bene sottolineare che tutti i pass vaccinali di cui si sta attualmente parlando, sia sui 27 territori di competenza dell’Unione Europea, che su quello del Regno Unito, varranno come prova solo quando si saranno ricevuti entrambi i vaccini.

In futuro, anticipano fonti di Downing Street, sempre attraverso la medesima app sarà possibile mostrare anche il risultato dei tamponi, sia molecolare che antigienico, ad oggi necessari prima di ogni viaggio verso qualsiasi meta estera.

L’obiettivo è di agevolare il più possibile gli spostamenti grazie proprio all’utilizzo di una piattaforma unica dove incorporare tutte le informazione necessarie riguardanti il proprio storico legato alla pandemia da coronavirus: i vari vaccini ottenuti, i test effettuati e anche se, al termine di ulteriori esami, si  sia confermato di aver sviluppato gli anticorpi necessari per contrastare il covid.

Informazione che, nel giro di poche settimane, diverranno obbligatorie per tutti i paesi che si intenderà visitare, sia per vacanza o per lavoro, compreso il Regno Unito.

Paese nel quale si dovrà rientrare con l’obiettivo di evitare di sottoporsi al periodo di auto isolamento, oggi fissato per legge a 10 giorni per la maggior parte delle destinazioni europeo e per il resto dei paesi del mondo.