Scioperi a pioggia in tutto l’UK e dal Governo una proposta di legge per limitarli

Il provvedimento punta a garantire un livello minimo di servizio in settori chiave dell'ambito pubblico

Scioperi a pioggia in tutto l’UK e dal Governo una proposta di legge per limitarli

 

Lo scontro tra sindacati e Governo non è solo in strada o sui posti di lavoro, ma si sposta anche nella sede del Parlamento dove l’Esecutivo del primo ministro Rishi Sunak si appresta a proporre alla Camera dei Comuni la controversa legge restrittiva sugli scioperi in risposta alla vasta protesta in atto nel settore pubblico britannico per la richiesta di un adeguamento salariale al caro vita.

Il provvedimento punta a garantire un livello minimo di servizio in settori chiave come sanità, istruzione, trasporti, sicurezza delle frontiere e nucleare.

Il ministro per le Attività produttive, Grant Shapps, ha sottolineato parlando coi media che esiste già una normativa del genere “in Paesi come Francia, Italia e Spagna, Germania ed è rivolta a proteggere i cittadini” dai forti disagi delle ultime settimane, in particolare quelli riscontrati negli ospedali per lo sciopero degli addetti alle ambulanze e degli infermieri.

Proprio Shapps è incaricato di presentare più tardi in Parlamento la proposta di legge molto criticata. I sindacati l’hanno condannata come “attacco al diritto di sciopero e minacciano azioni legali, mentre per l’opposizione laburista è destinata a “non funzionare“.

L’Esecutivo Tory di Rishi Sunak mantiene quindi le promesse rispetto alla linea dura nei confronti delle associazioni dei lavoratori mentre ieri si è concluso con un nulla di fatto il primo tentativo di aprire un tavolo negoziale coi sindacati del settore pubblico.

Ricordiamo, che i settori attualmente interessati dagli scioperi, che stanno andando avanti a giorni alterni, riguardano i trasporti pubblici, sia su rotaia che gomma, la consegna della posta attraverso Royal Mail, gli autisti delle autoambulance e gli infermieri del sistema sanitario nazionale NHS.