In UK nessun obbligo di Covid Pass: la conferma da parte di Boris Johnson

Il primo ministro parla di un "paese dove esiste il culto della libertà individuale". Niente obblighi ma solo inviti a vaccinarsi

In UK nessun obbligo di Covid Pass: la conferma da parte di Boris Johnson

 

Mentre in Italia sta incalzando sempre di più la polemica sull’obbligo del Green pass voluto dal Governo di Mario Draghi verso alcune categorie di lavoratori, pena la sospensione, nel Regno Unito si fa un passo indietro rispetto a una prima intenzione di  imporre forme di obbligo vaccinale contro il Covid.

A comunicarlo il primo ministro Boris Johnson che, intervistato dalla NBC durante la sua visita negli Stati Uniti, ha voluto anticipare le prossime mosse di Downing Street verso la lotta alla pandemia, parlando anche di quelle che non verranno compiute.

Non imporremo nessun obbligo perché nel Regno Unito esiste il culto della libertà individuale“, ha detto Johnson facendo capire che anziché imporre vincoli, il suo governo punterà sulla persuasione che sta dimostrando di funzionare come certificano i numeri: l’82% della popolazione over 16 ha ora ricevuto la doppia dose e il 90% almeno una.

Sta a ogni Paese decidere – ha aggiunto – quale approccio adottare. Siamo in un’area molto controversa, nel mio paese siamo grandi amanti della libertà e per questo dobbiamo puntare sulla persuasione e sul ragionamento dolce, cosa che sta funzionando“. Incalzato a ipotizzare uno scenario in cui la persuasione fallisse, ha insistito: “La soluzione per noi sarebbe andare avanti ancora con il ragionamento dolce“.

La scelta di non imporre il Covid Pass in UK non è comunque piaciuta a tutti, dato che alcuni, anche del suo schieramento, credono che sia una decisione che punterebbe a favorire la ripresa economica a discapito della salute pubblica. Infatti, l’obbligo sembrerebbe decadere anche in quegli ambiti dove inizialmente era richiesto come in occasione dei grandi eventi e nei luoghi di massa, come teatri e stadi.