“Elvis on tour”, a Londra la mostra sugli ultimi anni di vita del Re del rock

L'esposizione ripercorre il periodo dal 1969 al 1977 attraverso i suoi costumi più iconici ma anche i concerti che lo hanno reso una leggenda

“Elvis on tour”, a Londra la mostra sugli ultimi anni di vita del Re del rock

 

Sono oltre duecento gli oggetti in mostra provenienti dalla celebre casa-museo di Graceland e che per la prima volta approdano in Europa. Sono i protagonisti di “Elvis on tour” la nuova esposizione dedicata al Re del rock che si apre oggi per andare avanti fino al 4 febbraio presso l’02 Arena di Londra.

Abiti di scena, quelli realizzati per le conferenze stampa, per gli incontri istituzionali, e ancora stivaletti, gioielli, occhiali e cinturoni, tutti insieme a ripercorrere il periodo di vita del Re del rock dal 1969 al 1977, ed esattamente fino a pochi istanti prima la sua morte avvenuta il 16 agosto quando il giorno dopo avrebbe dovuto esibirsi nuovamente in un tour americano di venti concerti consecutivi ognuno dei quali da tutto-esaurito.

Un enorme guardaroba con abiti di scena, cinture e stivaletti scelti personalmente da Elvis, era pronto per essere spedito sul luogo del concerto che avrebbe dovuto tenere il 17 agosto al Cumberland County Civic Center a Portland nel Maine, e che invece non si è ovviamente mai tenuto. Guardaroba che non è mai stato toccato o svuotato nei quarant’anni successivi alla morte di Elvis e che per la prima volta approda in Europa per essere mostrato al grande pubblico.

Il “Black Phoenix”

“Elvis on tour” si presenta come un viaggio intimo nella vita del cantautore nato nel Mississippi nel 1935 dove non è lo sfarzo, il successo, la leggenda a essere messi in mostra, quanto invece gli aspetti più privati, quelli fino ad ora rimasti segreti nelle memorie dei suoi più fidati collaboratori.

Tra i tanti abiti in esposizione anche la felpa ufficiale della DEA, la drug enforcement administration ossia il dipartimento antidroga degli Stati Uniti, che indossò in occasione del suo ultimo concerto prima della morte, nel giugno del ’77 a Indianapolis; il “Black Phoenix” forse quello che più di ogni altro viene ricordato tra i costumi di Elvis, che una volta indossato lo rappresentava come un’aquila bianca sul palco; lo “Spanish Flower” che pesava oltre 10 chilogrammi per via delle numerose perline di cui era ornato e per il lungo mantello realizzato come accessorio in tessuto pesante; il “Fringe” ornato di corde di chitarra e cavi di microfono.

Spazio anche alla musica con varie performance trasmesse sui maxischermi allestiti nelle sale dell’esposizione che mostrano un Elvis sempre in forma e pronto a regalare emozioni senza mai risparmiarsi, nonostante i vari problemi fisici che lo portarono alla morte improvvisa all’età di 42 anni.

Info: “Elvis on tour” fino al 4 febbraio all’O2 Arena di Londra; biglietti da £12 a £25. Qui il sito ufficiale

Alcuni degli oggetti in esposizione in “Elvis on tour”