Dal prossimo anno tassa di 7 euro per i britannici che viaggiano in Europa

Si tratta del nuovo Etias. Il visto si paga una volta sola e dura 3 anni

Dal prossimo anno tassa di 7 euro per i britannici che viaggiano in Europa

  Una piccola tassa per continuare a viaggiare nei paesi europei. E’ quella che dovranno pagare i turisti britannici da maggio 2023 come conseguenza della scelta dell’UK di lasciare l’UE. La tassa rientra in quello che tecnicamente viene definito Etias, Travel Information and Authorization System, ed entrerà in vigore alla fine del 2022 ma la […]

Post Brexit: i musicisti ora in tour senza obbligo di visto in 19 paesi europei, Italia compresa

Per mesi artisti del calibro di Elton John ed Ed Sheeran avevano lamentato che Downing Street non aveva tutelato l'industria culturale britannica verso l'Europa

Post Brexit: i musicisti ora in tour senza obbligo di visto in 19 paesi europei, Italia compresa

  Uno degli accordi rimasti in sospeso tra Regno Unito ed Unione Europea è giunto finalmente a conclusione: quello che permette agli artisti e musicisti di viaggiare senza obbligo di visto, e quindi senza incorrere nel rischio di dover pagare una tassa di ingresso. Obbligo che avrebbe danneggiato notevolmente gli artisti britannici dato che avrebbero […]

Brexit, dal 1 gennaio obbligo di visto per gli studenti europei che giungono in UK

Va richiesto in assenza di Pre o Settled Status. Il costo è di £348

Brexit, dal 1 gennaio obbligo di visto per gli studenti europei che giungono in UK

  Il Regno Unito si sta preparando alla conclusione del periodo transitorio fissato al 31 dicembre, quello durante il quale tutti i rapporti tra UK ed Unione Europea rimangono validi, come se la Brexit non fosse mai avvenuta. Ma dal primo gennaio 2021 le cose cambieranno per tutti coloro che vorranno entrare in Inghilterra, Scozia, […]

Johnson: visto elettronico per entrare in UK dopo la Brexit

I Tories promettono un sistema simile a quello in vigore negli USA. Stasera il confronto tv tra i due leader a sei giorni delle elezioni.

Johnson: visto elettronico per entrare in UK dopo la Brexit

  Un visto elettronico, sul modello di quello in uso per viaggiare negli Stati Uniti, per entrare in Gran Bretagna dopo la Brexit. A meno di una settimana dalle cruciali elezioni del 12 dicembre, il partito conservatore di Boris Johnson promette una stretta sull’immigrazione e sul controllo dei confini in caso di vittoria alle urne. […]

Post Brexit, anche agli europei servirà il visto per entrare nel Regno Unito

Le uniche agevolazioni verranno offerte solo in base alle qualifiche che si vantano in ambito lavorativo

Post Brexit, anche agli europei servirà il visto per entrare nel Regno Unito

  Niente visti preferenziali per i lavoratori UE nello scenario post-Brexit. Questa è la decisione presa all’unanimità dal Gabinetto del Governo May nei giorni scorsi. Nessuna agevolazione per i lavoratori provenienti da paesi dell’Unione rispetto a chi viene da extra-UE. L’unica differenza sarà sul merito: sì ai lavoratori qualificati, non importa la loro provenienza, e […]

Brexit, allo studio un visto speciale per baristi e camerieri

Secondo alcune stime nel giro di sei anni in UK serviranno 40.000 persone da inserire nel settore della ristorazione. Da qui la proposta di Migration Watch UK diretta all'Home Office

Brexit, allo studio un visto speciale per baristi e camerieri

  Uno speciale visto riservato esclusivamente a coloro che vorrebbero entrare in Gran Bretagna per lavorare nelle caffetterie, nei pub, o più in generale nella ristorazione. E’ la soluzione proposta da Migration Watch UK, una organizzazione indipendente che promuove l’immigrazione come aspetto fondamentale per garantire il benessere dell’economia british. “Coloro che provengono da altri paesi comportanto un […]

Un visto post-Brexit valido solo per Londra?

Un visto post-Brexit valido solo per Londra?

  Un visto di ingresso e un permesso di lavoro valido solo per Londra. È l’idea di Sadiq Khan, il sindaco della capitale, per mantenere Londra il piú possibile “aperta” anche dopo la Brexit.  L’obiettivo è quello di consentire alle aziende londinesi di continuare ad attrarre risorse e talenti europei senza limitazioni, anche in un […]