Rugby World Cup: l’Italia si prepara al debutto

La squadra arriverà in UK domenica 13 settembre e alloggerà a Guildford. Debutto a Twickenham contro la Francia sabato 19.

Rugby World Cup: l’Italia si prepara al debutto

 

L’amarezza per la sconfitta contro il Galles al Millennium di Cardiff (23-19 per i dragoni) nel terzo ed ultimo test-match di preparazione alla Rugby World Cup è parzialmente mitigata dalla buona prestazione mostrata dagli Azzurri lungo gli ottanta minuti.

“Andare in Inghilterra dopo una sconfitta come quella di Edinburgo (48-7 per gli Scozzesi ndr) sarebbe stato preoccupante – ha detto il CT dell’Italia Jacques Brunel , nella conferenza stampa post-partita – ma oggi contro il Galles abbiamo mostrato il giusto spirito, non abbiamo mai mollato nei momenti di difficoltà e questo è l’aspetto più importante della gara di oggi. Ma rimane ancora molto da migliorare in vista del debutto ai Mondiali del 19 settembre con la Francia”.

“Non possiamo prescindere dalle nostre forze, dall’esaltazione delle nostre caratteristiche – ha proseguito il CT – e dalla nostra capacità di lottare. Anche quando abbiamo sofferto, siamo riusciti ad uscire dalla pressione. E’ importante per noi avere i nostri leader sul campo. Parisse e Gori sono stati due rientri importanti, ma è stata tutta la squadra oggi ad avere il giusto approccio. La strada è giusta, ora rimettiamoci al lavoro per limare gli errori nella gara di Twickenham del prossimo 19 settembre”.

“Nel secondo tempo – ha concluso Brunel – ci sono stati fischiati alcuni calci contro su mischia ordinata: dovremo analizzare la gara, capire il perchè di alcune decisioni arbitrali nei confronti del nostro pacchetto, che era dominante”.

Il Manager azzurro Luigi Troiani ha fatto il punto sull’infermeria, con i centri Luca Morisi e Gonzalo Garcia che dovranno sottoporsi ad esami strumentali al rientro in Italia. Non preoccupano invece le condizioni di Parisse, Castrogiovanni e Rizzo che hanno riportato contusioni di vario tipo.

Dopo la prova convincente contro il Galles, la nazionale italiana di rugby si radunerà a Roma sabato 12 settembre. Il giorno dopo gli azzurri voleranno in Inghilterra, alloggiando a Guildford, a circa 50 chilometri a sudovest di Londra. La cerimonia di benvenuto si terrà lunedì 14 settembre nel palazzo di Hampton Court, residenza completata da Enrico VIII nel XVI secolo.

L’incontro di apertura sara’ a Twickenham (Londra) con la Francia il 19 settembre alle 20:00.  Successivamente gli azzurri affronteranno il Canada il 26 settembre a Leeds, l’Irlanda il 4 ottobre all’Olimpic Park (Londra) e la Romania l’11 ottobre ad Exeter. Le prime due squadre classficate del girone si qualificheranno per i quarti di finale, impresa mai riuscita all’Italia. In caso di successo, i ragazzi di coach Brunel si troverebbero davanti la Nuova Zelanda, squadra mai battuta nei 12 precedenti incontri.

La Rugby World Cup sarà trasmessa in Gran Bretagna in esclusiva da ITV, in chiaro, con commentatori del calibro di Jonny Wilkinson e George Gregan. La BBC si occupera’ della copertura del torneo alla radio, collaborando tra gli altri con John Kirwan, All Blacks e ex allenatore della nazionale italiana.

Federico Lago
Londra, 7/9/2015

foto: pagina Facebook Federazione Italiana Rugby