L’Inghilterra affronta la Croazia: una sfida per conquistare Mosca

Tutto pronto per la seconda semifinale di stasera. I "Three Lions" affrontano un'avversaria ostica con la voglia di stupire ancora

L’Inghilterra affronta la Croazia: una sfida per conquistare Mosca

 

Tutto in novanta minuti. Novanta minuti che decreteranno se il calcio sta veramente tornando a casa, come i tifosi inglesi stanno ripendendo simpaticamente in questi giorni. Novanta minuti che separano l’Inghilterra di Gareth Southgate da una finale che manca da 52 anni, da conquistare contro un avversario ostico come la Croazia.

Tutti aspettavano i quarti di finale contro la Svezia per verificare l’effettiva tenuta dei Tre Leoni. Avversari, gli svedesi, sicuramente non tra i più blasonati ma capaci di mettere in difficoltà chiunque nel torneo. Partita ordinata di Harry Kane e compagni, capaci di colpire con i due colpi di testa di Harry Maguire e Dele Alli. Dimostrazione evidente che la squadra non dipende dal bomber del Tottenham, nonché capocannoniere del Mondiale, autore di una prestazione non eccezionale.

L’obbiettivo era sì quello di presentarsi come candidata alla vittoria nel 2022, ma adesso i Three Lions hanno l’obbligo di crederci e di giocarsela, anche contro una delle compagini più imprevedibili del torneo. La Croazia di Zlatko Dalić è stata capace di regalare prestazioni solidissime così come momenti di autentici black out, da cui però ha sempre saputo rialzarsi con grande personalità. Un giocatore su tutti: quel Luka Modrić che attualmente può essere considerato come il miglior centrocampista al mondo. Capace di impostare, di mordere il pallone e di gestire il gioco sia dalla sua metà campo sia nella metà campo offensiva. Un giocatore che, in caso di vittoria finale, potrebbe scalzare il binomio tra Cristiano Ronaldo e Messi per la corsa al Pallone d’Oro. Il regista croato è stato infatti protagonista assoluto con le Merengues nelle quattro Champions League conquistate negli ultimi cinque anni.

D’altra parte l’Inghilterra non deve avere paura. Quanto dimostrato fin qua è sotto gli occhi di tutti e l’ordine tattico impresso dal suo commissario tecnico non potrà che impensierire gli avversari.

Croati che non hanno mai raggiunto una finale ma che probabilmente si trovano al culmine della loro “generazione d’oro”, in un torneo quindi che potrebbe costituire un’occasione più unica che rara. Più “leggero” il compito dei ragazzi di Sua Maestà, il cui obbiettivo dichiarato era inizialmente il 2022 ma che ora non possono nascondersi a due passi dallo sprint finale.

Appuntamento dunque a stasera allo Stadio Lužniki di Mosca. L’Inghilterra di Southgate ha voglia di continuare a stupire.

(Foto in alto da pagina Facebook dellla Football Association)