Il Chelsea batte il QPR e vola verso il titolo

QPR-Chelsea
foto: chelseafc.com

 

C’è voluta una magia di Cesc Fabregas a due minuti dalla fine per dare al Chelsea la vittoria contro il QPR (1-0). Una vittoria che potrebbe valere il titolo della Premier League.

Il Chelsea non vinceva a Loftus Road dal 1982, e per come ha giocato non avrebbe meritato di vincere neanche oggi. Ma il calcio è fatto anche di episodi e di fortuna, e la squadra di Mourinho, pur giocando male, segna con il suo primo e unico tiro in porta e porta a casa i 3 punti, mentre il QPR scivola al terzultimo posto, in zona retrocessione (“relegation”).

A fine partita, Terry e compagni esultano come se avessero già vinto il campionato, e probabilmente è davvero così. A sette partite dalla fine, il Chelsea ha un vantaggio di ben sette punti sulla seconda classificata, l’Arsenal (oggi vittoriosa con il Burnley), che però deve giocare una partita di meno. Difficile pensare che a questo punto il titolo possa sfuggire ai Blues.

Filosofico il commento di Mourinho nel dopo partita: “Ogni volta che ho vinto un campionato, mi ricordo di un paio di partite vinte dalla mia squadra all’ultimo minuto. Una piccola luce brilla per la squadra che è destinata a essere campione”.

Oggi era anche la giornata del derby di Manchester, vinto dallo United per 4-2. I Reds hanno giocato con brillantezza e dinamismo, portando al gol quattro uomini diversi (Young, Fellaini, Mata e Smalling), e permettendosi il lusso di lasciare in panchina Di Maria e Falcao.  Per il City (due reti del solito Aguero) è la sesta sconfitta in otto partite, segno che la squadra di Pellegrini ha ormai perso motivazione.  In classifica, lo United è adesso terzo (-8 dal Chelsea), davanti al City quarto.

Prossimo appuntamento sabato 18 aprile con Chelsea-Manchester United.