Nelson Mandela

Nelson Mandela
Loading Map….

Date/Time
Date(s) – 08/02/2019 – 08/02/2020
10:00 am – 6:00 pm

Location
Leake Street Gallery

Categories


 

A 101 anni dalla sua nascita, l’eredità che ha lasciato continua ad essere simbolo e ispirazione per intere generazioni, presenti e future.

Di Nelson Mandela, nato nel 1918 e scomparso nel 2013, si è detto, scritto e mostrato tanto, ma ora una esposizione unica a lui dedicata raccoglie l’essenza del suo messaggio attraverso i momenti più salienti della sua vita, personale e professionale, mostrando quegli aspetti inediti che lo hanno decretato uno dei massimi leader politici di tutti i tempi.

Si intitola “Mandela: The Official Exhibition” e si apre domani (venerdì 8 febbraio) a Londra presso la Leake Street Gallery nella zona di Waterloo Station e LondraItalia ha avuto la possibilità di una visita in anteprima (video al centro) oltre ad intervistare colui che è stato definito l’erede naturale di Mandela: Nkosi Zwelivelile Mandla Mandela, nipote dell’icona anti apartheid, membro dell’African National Congress.

Zwelivelile Mandela, il nipote del leader anti apartheid

Questa è una mostra sulla vita di mio nonno – racconta Mandla Mandela a LondraItalia -. Dove è nato, in un piccolo villaggio vicino al fiume Mbashe, e come è diventato un’icona globale dedicando 67 anni della sua vita a servire l’umanità. Ecco perché l’esposizione è anche un invito a continuare a portare avanti il suo messaggio. A proseguire nell’opera di mio nonno, campione di giustizia, pace e diritti umani”.

Per me è stata un’esperienza travolgente essere attorno a lui quando ero piccolo – continua il 45enne nipote del leader -. Non dimenticherò mai come ogni sua giornata si è tramuta per noi tutti in vere e proprie lezioni di vita. Ogni sua esperienza ha plasmato la vita che stiamo vivendo oggi, noi tutti. Lui era una voce per la giustizia, la pace e i diritti umani e noi dobbiamo raccogliere il suo testimone“.

La mostra è divisa in varie zone interattive che vogliono offrire allo spettatore un’esperienza radicalmente diversa, una per ogni area.

La narrativa che introduce ogni zona fa da comune denominatore così come video inediti, foto e oltre 150 reperti storici ed effetti personali donati alla mostra londinese dalla famiglia Mandela, da musei e archivi in ​​tutto il mondo.

Si parte da The Early Years che rappresenta i primi anni di vita di Mandela e soprattutto il primo luogo dove ha vissuto. E’ la ricostruzione di un tradizionale casa del posto incastonata tra le colline del Transkei. Questa sezione esamina sia la tradizionale cultura di Thembu che la vita di un contadino rurale attraverso una varietà di manufatti tradizionali.

The Struggle is My Life entra nel vivo della sofferenza vissuta durante il difficile periodo dell’apartheid esplorando aspetti che includono il degrado della segregazione e asprezza con la quale la polizia sedava le prime rivolte.

Prison Years ricrea l’alta torre di pietra e i suoni di Robben Island, dove Mandela è stato in parte imprigionato nel corso dei suoi 27 anni agli arresti. Usando le parole e le lettere del leader politico, si può rivivere quella amara esperienza.


 

 

 


Anti-Apartheid in Britain celebra invece il contributo delle associazioni dei lavoratori, delle celebrità e di numerose personalità britanniche che hanno contribuito a far cessare la fine del governo dell’apartheid.

Freedom? mostra invece la violenza dei primi anni ’90 attraverso filmati originali di telegiornali celebrando il miracolo delle prime elezioni democratiche.

Healing a Nation metto in mostra oggetti di vario genere e varia provenienza divenuti simbolo nel corso degli anni, così come contributi video di familiari, ex collaboratori e nomi famosi della scena internazionale, tra cui Neneh Cherry, Peter Gabriel e Lewis Hamilton, per dimostrare come Nelson Mandela abbia unito il Sudafrica ma soprattutto ispirato il mondo.

A moment with Mandela offre invece la possibilità di ascoltare direttamente dalla voce di Madiba (come era stato ribattezzato Mandela, usando l’antico nome del suo clan dal significato “Padre della Nazione) i discorsi più significativi del leader ma anche i messaggi che ha voluto lasciare al mondo intero come ispirazioni per le sue generazione successive, e come invito a raccogliere la torcia e portare avanti la sua eredità di pace e solidarietà tra i popoli.

L’Africa deve riconquistare il suo spazio – conclude Zwelivelile Mandla Mandela -. Deve poter usare le proprie risorse naturali per ricostruirsi, creare lavoro e far sì che che sia un continente leader nel mondo. La civiltà dopotutto è nata in Africa e perciò è tempo per noi tutti, in questo 21esimo secolo, di rivendicare la propria posizione. Invito i leader a riunirsi e a supportare la democrazia e la trasparenza, e a impegnarsi per combattere la povertà nel nostro continente“.

Info: “Mandela: The Official Exhibition” da venerdì 8 febbraio presso la Leake Street Gallery (26 Leake St, Lambeth, Londra SE1 7NN). Aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17) Costo dei biglietti: £15. A questo indirizzo il sito internet ufficiale.

Foto in alto @Nelson Mandela – The Official Exhibition Peter Morey (www.petermoreyphotographic.co.za)


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.