Notting Hill Carnival in memoria delle vittime della Grenfell Tower

Si terrà domenica e lunedì prossimi. Le due attese parate verranno aperte da un minuto di silenzio

Notting Hill Carnival in memoria delle vittime della Grenfell Tower

E’ iniziato il conto alla rovescia per uno degli eventi più attesi della capitale inglese: il Notting Hill Carnival, tra i migliori e più sorprendenti street festival d’Europa dove persone da tutto il mondo si riuniscono per celebrare la cultura caraibica da anni radicatasi nel Regno Unito.

Domenica prossima, 27 agosto, e il lunedì a seguire 28 che sarà per altro un Bank Holiday, centinaia di migliaia di persone si daranno appuntamento nei quartieri di Notting Hill, Ladbroke Grove e Westbourne Park, colmando di colori e musica ogni angolo delle strade.

Questa nuova edizione del festival avrà un tono particolare rispetto alle passate edizioni, perché verranno ricordate le numerose vittime della Grenfell Tower, grattacielo di 24 piani a North Kensington che prese fuoco nella notte del 14 giugno scorso provocando la morte di almeno 87 persone. Alcuni esponenti politici, tra cui il conservatore Greg Hands, hanno inizialmente messo in discussione l’appropriatezza dei festeggiamenti che si terranno proprio a poche centinaia di metri dal luogo dell’accaduto. Il primo cittadino Sadiq Khan, in linea con la deputata laburista di Kensington Emma Dent Coad, ha sottolineato però l’importanza per l’intera comunità di proseguire con la decennale tradizione del carnevale che dal 1966 riempie a fine agosto le strade del quartiere.

Sono stati soprattutto i residenti della zona, gli amici e i familiari delle vittime, molti dei quali regolari partecipanti dello street festival, a chiedere di poter celebrare l’evento anche e soprattutto in onore di chi ha perso la vita nella tragedia della Grenfell Tower. E’ principalmente il desiderio di commemorare chi non c’è più a fungere da vero motore di propulsione per i festeggiamenti di quest’anno. Verrà comunque rispettato un minuto di silenzio durante le due parate principali, quella di domenica dedicata maggiormente ai bambini e alle famiglie, e quella di lunedì per tutti.

Sebbene oggi sia per lo più considerato un evento all’insegna del puro divertimento, il Carnevale di Notting Hill è colmo di significati culturali. Nacque a metà del secolo scorso dal desiderio di smorzare le tensioni razziali presenti nell’omonimo quartiere tra africani, asiatici, caraibici ed europei, cercando di crea quella giusta integrazione tra culture diverse.

Nei decenni, la manifestazione si è progressivamente ampliata (al primo evento parteciparono solo alcune centinaia di persone) richiamando artisti di diversa estrazione, musicisti, cantanti, danzatori che contribuiscono a renderla un’esperienza unica nel suo genere. Considerato il secondo più grande Carnevale dopo quello brasiliano di Rio de Janeiro, dagli anni ’70 ha assunto sempre maggiormente le forme di una celebrazione della cultura caraibica, con costumi e danze che ne ricordano le radici a decine di migliaia di chilometri di distanza.

Per conoscere tutti i dettagli della ricca programmazione, questo il sito internet ufficiale.