Economia in crescita in Italia, corsa agli sportelli in Grecia

Economia in crescita in Italia, corsa agli sportelli in Grecia
ECB
La sede della European Central Bank a Francoforte

La settimana finanziaria terminata ieri, venerdi 29 maggio 2015,  ha registrato notizie positive dall’Italia, mentre aumentano le preoccupazioni in Grecia.

I depositi bancari in Grecia sono scesi ai minimi da dieci anni a questa parte: i timori sulla solvibilità di Atene preoccupano i cittadini, che temono un prelievo forzoso dai conti correnti, come successo a Cipro pochi anni fa. Il Pil del paese ellenico torna a diminuire, prova che il governo di Syriza non riesce a far cambiare rotta al paese. L’uscita dall’eurozona sembra sempre più probabile.

I dati macroeconomici italiani stupiscono in positivo, anche se di poco: il Prodotto Interno Lordo ad aprile è cresciuto dello 0,1%, contro le aspettative di una crescita nulla, su base annuale leggiamo un +0,3%. Anche l’inflazione da segnali incoraggianti: +0,2% su base annuale.

In Gran Bretagna i numeri sono ben diversi, con una crescita del PIL del 2,4% su base annuale, leggermente al di sotto delle attese. L’economia britannica sembra reggere al rafforzamento della Sterlina sull’Euro, una differenza del 15% rispetto ad un anno fa. Il cambio è fermo a 1,39 a mercato chiuso.

Questa settimana lo scandalo della manipolazione del Libor, il tasso di interesse a breve termine britannico, è tornato sulle prime pagine dei giornali con l’inizio del processo a Tom Hayes. Il trader di UBS e Citigroup avrebbe capeggiato un team con l’intenzione di muovere il mercato in proprio favore, utilizzando mezzi illegali. Hayes era mosso dal desiderio di ricevere bonus sempre più importanti, afferma l’accusa.

Mercati azionari stabili, il FTSE MIB rimane tra i 23.300 e i 23.800 punti, come visto nelle ultime settimane. Il FTSE britannico chiude sotto quota 7.000, con una caduta verticale negli ultimi minuti della seduta. Ciò è probabilmente dovuto alla chiusura di posizioni tipica della fine del mese.

 

Federico Lago

Partner – GHK International

Londra, 30/5/2015