In nove strade di Londra solo auto elettriche. Hackney e Islington diventano “green”

Sono state scelte in base alla loro vicinanza a una scuola dove sono stati registrati alti livelli di inquinamento da gas di scarico

In nove strade di Londra solo auto elettriche. Hackney e Islington diventano “green”

 

In due quartieri di Londra da qualche giorno possono circolare soltanto automobili che non danneggiano l’ambiente. Le vetture a benzina, diesel oppure con un sistema ibrido vecchio stile hanno l’accesso vietato a Hackney e Islington, a meno che non appartengano a residenti, ufficialmente registrati.

Merito di uno schema innovativo che prevede di ridurre al massimo le emissioni inquinanti, in modo da proteggere l’ambiente. In queste aree, dunque, possono circolare solo le auto elettriche, le nuove ibride o i veicoli ad idrogeno, oltre alle biciclette e alle ebikes. Gli altri conducenti rischiano una multa di 130 sterline, che come deterrente non è male.

Gli amministratori dei due consigli municipali sono entusiasti del progetto, che è il primo di questo genere nel Regno Unito, ma potrebbe presto ispirare altre zone della metropoli o magari altre città.

L’obiettivo è chiarimente quello di ridurre l’esposizione dei residenti ai fumi di scarico dannosi e di rendere più sicura e piacevole una passeggiata per le vie del quartiere. Anche perché secondo dati recenti la scarsa qualità dell’aria ha un impatto pesante sulla salute di adulti e bambini e ogni anno incide sulla morte prematura di quasi diecimila persone.

L’idea dei consigli di Hackney e Islington, peraltro, ha raccolto il consenso dei cittadini. Prima di varare lo schema, infatti, i due consigli hanno interpellato le persone residenti nel raggio di dieci chilometri dalle strade interessate e il 70 per cento si è espresso a favore dell’iniziativa.

Il sistema di blocco delle auto inquinanti funziona per ora negli orari di punta, quindi dalle 7 alle 10 e dalle 16 alle 19 dal lunedì al venerdì e ci saranno strumenti per il riconoscimento delle targhe e telecamere di controllo, gestite dalla polizia.

Per ora le strade che sono coinvolte dal provvedimento ecologista sono nove e si trovano tutte intorno ad Old Street. Le vie “pulite” sono Blackall Street, Cowper Street, Paul Street, Tabernacle Street, Ravey Street, Singer Street, Rivington Street, Willow Street e Charlotte Road. Tutte strade accomunuta dal fatto che si trovano vicino alla Central Foundation Boys school di Islington, che in base alle rilevazioni sarebbe la scuola secondaria londinese dove sono stati registrati i più alti livelli di inquinamento da gas di scarico, collegabile al transito di auto e mezzi pesanti.

Il bando contro le auto elettriche, peraltro, non è l’unico provvedimento ecologico che è stato assunto, visto che il consiglio di Hackney ha anche annunciato il progetto di realizzare 180 stazioni di ricarica per le auto elettriche in aggiunta alle 22 che già esistono nel quartiere.

Il costo delle auto elettriche è ancora un problema per molti dei cittadini, ma esistono dei vantaggi per chi decide di acquistarle, con sconti sulle tasse automobolistiche e la possibilità di “fare il pieno” comodamente in diversi punti del quartiere.

A finanziare il progetto delle strade a bassa emissione, poi, ha contribuito anche il fondo speciale per la qualità dell’aria creato dal sindaco di Londra Sadiq Khan, attingendo ai contributi governativi per la protezione dell’ambiente. Un incentivo in più per comuni e città che abbiano voglia di mettersi in gioco per un futuro senza inquinamento.


Articolo realizzato con il supporto di Green Network Energy – la prima azienda italiana di energia nel Regno Unito