Più musica e arte di notte. Londra lancia l’idea per un progetto pilota

Nella capitale oltre un milione e 600mila persone lavorano dalle 6pm alle 6am generando un volume d'affari pari a 26 miliardi di sterline all'anno

Più musica e arte di notte. Londra lancia l’idea per un progetto pilota

 

Una Londra aperta 24 ore su 24. L’idea forse potrebbe far storcere il naso a qualcuno, ma potrebbe anche farlo ricredere se a rimanere aperti fino a tardi saranno attività commerciali che propongono musica o altre iniziative di intrattenimento, e non shopping mall o altri luoghi di aggregazione basati semplicemente sulla vendita di prodotti.

Si tratta del progetto lanciato dal sindaco Sadiq Khan dal titolo Night Time Enterprise Zone.

L’obiettivo è quello di dare una spinta ancora maggiore a chi propone cultura dalle 6 del pomeriggio e fino all’alba. Infatti, secondo uno studio commissionato dal municipio oltre un milione e 600mila persone lavorano in quella fascia oraria, generando un volume d’affari pari a 26 miliardi di sterline all’anno.

Numeri importanti che potrebbero crescere ancora di più se ci fossero le idee giuste. Ma quali? Ecco, quindi, il senso del progetto Night Time Enterprise Zone promosso in tandem con il network “Safer Sounds”, organizzazione solidale che coordina diversi progetti per la riduzione della criminalità in alcuni dei quartieri più difficili di Londra.

Il Comune mette a disposizione un contributo di 75mila sterline per dare vita a un progetto pilota in uno dei 33 borough della capitale. Se si dovesse registrare riscontri positivi, si darà vita alla seconda fase che prevede di replicare l’idea a macchia d’olio in tutti gli altri municipi.

Come sindaco, voglio che Londra sia una città che lavora per tutti i londinesi, in ogni momento del giorno e della notte – ha fatto sapere Sadiq Khan -. Ecco perché il Comune ha chiesto alla Commissione per le ore notturne di aiutare a realizzare la nostra visione per una città di 24 ore. La nuova Night Zone Enterprise Zone contribuirà a potenziare le aree di riferimento offrendo idee innovative che attireranno i londinesi nei centri urbani dopo le 18:00, mentre la Safer Sounds fornirà supporto e innalzerà gli standard dell’industria musicale. Le iniziative che stiamo portando avanti contribuiranno a garantire che la capitale funzioni per tutti di notte“.

Tutti i dettagli del progetto possono essere trovati a questo indirizzo ufficiale.

Foto @Pixabay


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.