Maradona raccontato dagli scatti di un napoletano. La mostra ora a Londra

L'esposizione porta la firma del fotoreporter Sergio Siano che ha seguito il campione nella sua avventura partenopea

Maradona raccontato dagli scatti di un napoletano. La mostra ora a Londra

 

L’Istituto italiano di cultura di Londra dedica una mostra a Maradona raccontato attraverso le immagini di Sergio Siano, storico fotogiornalista di Napoli.

L’esposizione, curata da Yvonne De Rosa, è ospitata presso la sede al numero 39 di Belgrave Square (SW1X 8NX) e si compone di alcuni degli scatti più celebri che hanno immortalato il campione argentino.

Siano, infatti, era un fotoreporter negli anni ’80 sempre presente alle partite casalinghe nello stadio San Paolo di Napoli.

Il mio reportage ritrae il campione per quello che è veramente – spiega il fotografo -. Un grande atleta, una persona divertente, l’icona di un’intera città”.

Il 5 luglio 1984, quando Maradona arrivò per la prima volta a Napoli – continua Siano – ero tra le 70mila persone nello stadio, in attesa di salutare il nuovo re. Lo guardai salire i gradini, i suoi movimenti sembravano più lenti di al solito, ma poi ha messo il piede sul campo e la folla ha emesso un ruggito che mi ha trafitto i timpani. Il cuore che batteva veloce come la batteria sulle tribune, mi sono tolto la maglietta perché il sole era caldo, ma l’amore della gente per Maradona era ancora più caldo“.

Alcuni degli scatti esposti (in alto uno di essi) compongono l’omonimo libro che Siano ha dedicato a Maradona, formato da centosessanta fotografie, quasi tutte inedite, scattate nel lungo decennio felice della Napoli a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, tra il vecchio Centro Paradiso e il sempre presente stadio San Paolo, tra il pubblico di Spacca Napoli e il privato delle feste con tifosi e i compagni di squadra.

L’ingresso alla mostra è gratuito e si può visitare tutti i giorni fino al 31 maggio. Qui per saperne di più.


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.