Le opere di Mario Merz in mostra fino all’8 novembre

Screen Shot 2014-11-06 at 00.12.36
Foto: Pace gallery

 

Resterà aperta ancora per pochi giorni la mostra che la Pace Gallery ha dedicato a Mario Merz. Le opere dell’artista italiano, in mostra a partire dal 26 settembre, resteranno infatti esposte solo fino a sabato 8 novembre: un motivo in più per organizzarsi e approfittare dell’occasione.

«Merz mancava a Londra da 20 anni, se si considera che l’ultima sua mostra risale al 1993, quando l’artista era ancora in vita» spiega Tamara Corm, direttrice della Galleria. «In contemporanea con la Frieze Art Fair di quest’anno (che si è svolta dal 14 al 17 ottobre), abbiamo quindi pensato di stringere una collaborazione con la Fondazione Merz di Torino per dare modo ai londinesi e al pubblico internazionale di riscoprire questo protagonista dell’arte contemporanea. Beatrice Merz, la figlia, ha avuto un ruolo fondamentale nella messa a punto dell’evento, mettendo a disposizione la sua profonda conoscenza del Merz artista e uomo».

Punto di riferimento dell’Arte Povera, che contribuì a definire negli anni Sessanta insieme a nomi come Boetti, Fabro, Paolini, Mario Merz nacque a Milano nel 1925. Torinese d’adozione, divenne noto al grande pubblico per avere introdotto nei suoi quadri materiali solitamente considerati estranei all’idea di pittura, come ferro, cera e pietra, fino a quando abbandonò definitivamente la pittura in favore delle installazioni tridimensionali. Sua l’idea di fare arte anche con oggetti deperibili, frutta per esempio, per mostrare dal vero i segni tangibili dello scorrere del tempo.

La mostra della Pace annovera un ricco catalogo di opere dagli anni Sessanta ai Duemila, che coprono le fasi più importanti della sua ricerca artistica: dai tubi al neon, con i quali inizialmente perforava la superficie delle tele, ai celebri igloo, strutture archetipiche che sancirono il superamento definitivo della superficie bidimensionale, passando per lavori in cui compare la successione di Fibonacci, tanto indagata ed esposta nelle sue numerose installazioni giro per il mondo, dal Guggenheim di New York (nel 1971) alla Mole di Torino (nel 1984).

La Pace Gallery si trova al 6 Burlington Gardens, W1S 3ET, ed è aperta dal martedi al sabato dalle 10am alle 6pm.

Tutte le opere esposte sono in vendita (prezzi su richiesta).

 

Michele Bartoletti Stella, 5 novembre 2014.