Boom di italiani in finale nei World Photography Awards

Sui 270 fotografi finalisti ben 28 sono italiani. Le loro opere saranno in mostra alla Somerset House dal 22 aprile all’8 maggio 2016

Boom di italiani in finale nei World Photography Awards

 

La fotografia italiana trionfa ai Sony World Photography Awards, uno dei concorsi più importanti al mondo. È tricolore, infatti, il gruppo più numeroso dei finalisti in gara: ben 28 fotografi arrivati in finale sono italiani su 270 provenienti da 60 paesi. Un risultato che è già una medaglia (GUARDA QUI LA FOTOGALLERY).

Nessuno di loro vive a Londra, ma le loro opere saranno in mostra alla Somerset House dal 22 aprile all’8 maggio 2016 (i biglietti si possono prenotare online a questo indirizzo) e poi gireranno le città del mondo. Per seguirle su Twitter l’hashtag è #SWPA. Il vincitore “L’Iris d’Or / Fotografo dell’anno” sarà annunciato il prossimo 21 aprile durante una cerimonia alla Somerset House, e vincerà un premio di 25mila dollari e l’attrezzatura fotografica digitale da parte di Sony. Altri riconoscimenti, e premi da 5mila dollari, sono previsti per i migliori scatti nelle diverse sezioni del concorso come “Professionisti”, “Open”, “Giovani”.

 

Bekaa Valley, LEBANON. 2015 A game time between women. Married adolescent girls talk of not feeling ready to be mother.
autore: Laura Aggio Caldon

Nella giuria Professional non c’è nessun italiano: a valutare le foto sono stati docenti di fotografia, direttori di riviste specializzate, esperti di documentari, e responsabili del reparto fotografico di testate come BBC World News, Buzzfeed UK e TimeOut.  Agli organizzatori del concorso sono arrivate dall’Italia più di 16mila fotografie: +129% di partecipazioni “azzurre” rispetto all’anno scorso. In totale le foto inviate sono state più di 230mila.

L’occhio testimone dei nostri connazionali ha raccontato la crisi delle frontiere e l’emergenza migranti nel Mediterraneo (è il caso delle foto di Gabriele Micalizzi, Alessandro Penso e Francesco Fratto), le comunità gipsy di Valerio Buspuri, le spose-bambine in Siria fotografate da Laura Aggio Caldon, le violazioni dei diritti delle donne in Kenia nelle immagini di Simona Gizzoni, i sopravvissuti al virus Ebola ritratti da Michele Bonfanti.

GUARDA QUI LA FOTOGALLERY

Francoise Gilot was a French painter and best-selling author. She was a young painter when she met Picasso in 1944 and was his lover and muse until 1953. Picasso and Gilot never married, but they had two children together, Claude and Paloma. After spending ten years with the painter, she was the only one who, sick of Picasso’s relationships with other women, decided to leave him. She wrote the book “Life with Picasso”.
Foto di Cristina Vatielli

 

Eccellenze italiane anche nelle sezioni Staged e Still Life, che si concentrano più sulla dimensione artistica delle foto: dal cibo come arte (Francesco Amorosino e Ilva Baretta), all’omaggio a Picasso di Cristina Vatielli, e perfino alla Barbie del fotografo palermitano Alberto Alicata.

Spazio anche alle meraviglie naturali: l’Arizona del diciottenne di Catania Giorgio Granata,  le Dolomiti di Stefano Guerrini, i fondali del Mediterraneo del messinese Salvo Bombara, i pinguini della Patagonia di Christian Massari.

 

In this project, Alberto Alicata, traces the history of photography, image iconic realized by the great masters, resorting to the use of a symbol of contemporary Western culture: Barbie. Irving Penn, Richard Avedon, Guy Bourdin, David Lachapelle, Mario Testino are some of the names which Alicata honors, studying carefully chosen shots and recreating a set to measure Barbie rebuilt in detail the limits of the obsessive precision, the original that inspired it, in order to strengthen the authenticity and strength of timeless images, now become part of our visual memory and intended to be timeless. Intuition playful operate this simulation, using one of the most imitated, idolized, collected and studied which is renewed in every historical period, this production puts in a dimension in the making, is intended to be enriched with new images, and more opportunity to quote unexpected suggestions.
foto:Alberto Alicata

 

Questi i finalisti italiani ai Sony World Photography Award (GUARDA QUI LA FOTOGALLERY), nelle varie categorie:

Professional competition
Alberto Alicata, Staged
Alessandro D’Angelo, People
Alessandro Penso, Current Affairs
Andrea and Magda, Current Affairs
Andrea Rossato, Candid
Cristina Vatielli, Staged
Daniele Robotti, Still Life
Filippo Venturi, People
Francesco Amorosino, Still Life
Francesco Fratto, People
Gabriele Micalizzi, Current Affairs
Giancarlo Ceraudo, Candid
Jean-Marc Caimi, Daily Life
Laura Aggio Caldon, Contemporary Issues
Marcello Bonfanti, Portraiture
Simona Ghizzoni, Contemporary Issues
Valerio Bispuri, Candid
Ilva Beretta (Originally from Sweden but based in Italy), Still Life

Open competition
Salvo Bombara, Enhanced
Luca Laghetti, Enhanced
Valter Bernardeschi, Nature & Wildlife
Christian Massari, Nature & Wildlife
Simona Tedesco, Nature & Wildlife
Maurizio Casula, Panoramic
Stefano Guerrini, Panoramic
Michele Liberti, People

Youth competition
Anais Stupka, Environment
Giorgio Granata, Environment

Londra, 24/2/2016

Francesca Marchese
@fmarchese_

foto del titolo: Salvo Bombara. All photo courtesy of Sony World Photography Award