Boccioni in 3D: all’Estorick di Londra la mostra sulle opere perdute (e ricostruite)

Saranno visibili per la prima volta al pubblico quattro figure dell'esponente del futurismo, ricostruite da due artisti digitali partendo da foto di quasi cento anni fa

Boccioni in 3D: all’Estorick di Londra la mostra sulle opere perdute (e ricostruite)

 

Da una distruzione a una ricostruzione per portare di nuovo in vita alcune delle opere perdute dello scultore Umberto Boccioni.

Attraverso una innovativa tecnica di stampa in 3D (foto in alto) due artisti, lo svedese Anders Rådén e l’inglese di Liverpool Matt Smith, hanno ricreato un gruppo di sculture in gesso con tecnica mista andate perdute nel 1927, realizzate proprio da uno dei principalli rappresentanti del movimento futurista.

Queste ricostruzioni, anch’esse delle opere d’arte moderne, saranno in mostra da mercoledì (25 settembre), fino al 22 dicembre presso la Estorick Collection of Modern Italian Art al numero 39a di Canonbury Square a Londra.

Umberto Boccioni posa accanto a una delle sue opere

I due artisti digitale, facendo uso di innovative tecniche di stampa 3D, sono riusciti a ricreare quattro delle sculture di Boccioni andate perse: uno studio volumentrico di un volto umano intitolato “Vuoti e pieni astratti di una testa” , e tre iconiche figure intere.

Le nuove opere ricreate per l’occasione saranno per la prima volta visibili al pubblico in una nuova mostra intitolata “Umberto Boccioni: Recreating the Lost Sculptures” visitabile alla Estorick.

Oltre alle sculture 3D in dimensione originale, vi saranno in esposizione anche altre modelli in scala ridotta che metteranno in evidenza le aree che Rådén e Smith, a causa della mancaza di materiale fotografico, hanno dovuto ricostruire seguendo soltanto gli accenni rintracciabili attraverso lo studio del peculiare vocabolario stilistico dell’artista.

Sarà inoltre possibile vedere un video in time-lapse delle fasi di stampa e scultura digitale, assieme ad un numero di disegni e fogli di lavoro delle stampe finali.

Gli orari di apertura sono dal mercoledì  al sabato dalle 11 alle 18, e la domenica dalle 12 alle 17; chiuso il lunedì e martedì. Il costo del biglietto d’ingresso è £7,50; ridotto: £5,50. Include l’ingresso alla mostra e alla collezione permanente.  Per ulteriori informazioni questo il sito internet ufficiale dell’esposizione.


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.