Arte e business si incontrano in Ambasciata a Londra: comincia Intesa

Alla serata hanno partecipato Michele Coppola e Roberta Cremoncini, moderati dalla giornalista televisiva Angela Antetomaso.

Arte e business si incontrano in Ambasciata a Londra: comincia Intesa

 

Dal business all’arte il passo può essere breve. Il mecenatismo delle fondazioni bancarie è stato il tema del primo appuntamento della rassegna A2B-Art to Business organizzata dall’Ambasciata d’Italia a Londra. Un ciclo di incontri che si propone di celebrare la creatività e il made in Italy. Alla serata, che si è tenuta mercoledì 14 novembre nella residenza di Grosvenor Square, hanno partecipato Michele Coppola, direttore Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa San Paolo, e Roberta Cremoncini, direttore della Collezione Estorick, introdotti dall’Ambasciatore Raffaele Trombetta. A moderare il dibattito, la giornalista televisiva Angela Antetomaso.

L’Italia trova nella cultura – spiega l’ente – una risorsa fondamentale, ed è proprio per questo motivo che l’Ambasciata si fa promotrice dell’arte e dei suoi concreti riflessi per il paese”.

L’idea è quella di organizzare una serie di iniziative per valorizzare l’estro italiano e l’impatto economico del settore. Del resto, mentre il mondo della cultura cerca strumenti innovativi per sostenersi, quello degli affari e dell’industria celebra la creatività come strumento di marketing e sviluppo. La serie di eventi proseguirà con appuntamenti trimestrali dedicati al design, all’alta sartoria, al mondo dell’arte contemporanea e della musica.

A2B ha già favorito una prima importante collaborazione: nella giornata dell’evento l’Ambasciata ha ospitato un capolavoro di Umberto Boccioni (Officine a Porta Romana, 1909-1910) della collezione di Intesa. L’operà resterà  in esposizione dal 21 novembre al 20 gennaio nel museo italiano di Islington, nell’ambito della mostra “Woman + Landscape Umberto Boccioni 1907 – 1912”.

 

Nella foto da sinistra Angela Antetomaso, l’Ambasciatore Raffaele Trombetta, Roberta Cremoncini e Michele Coppola. (fonte: Ambasciata)