£10 di sconto al ristorante: ecco come funziona il voucher del governo

L'iniziativa prenderà il via il 3 agosto e durerà per tutto il mese

£10 di sconto al ristorante: ecco come funziona il voucher del governo

 

L’obiettivo ripartenza dei consumi per il governo inglese passa per il piano “Eat out to help you”. A lanciare il progetto è stato il Cancelliere Rishi Sunak (nella foto in alto) che ha presentato il pacchetto di misure messo a punto dal governo per incentivare i consumi all’indomani dell’apertura di pub e ristoranti nel Paese.

Il piano è articolato attorno a uno sconto del 50% pari ad un massimo di £10 per consumatore, che pub, ristoranti, o ogni struttura ricettiva che vende cibo e somministra bevande, applica ai clienti e ottiene come rimborso dal governo.

L’incentivo può essere usato a discrezione del ristoratore, quindi potrebbe succedere che un consumatore possa usufruirne più volte, ma solo nei giorni del lunedì, martedì e mercoledì. Negli altri giorni della settimana la misura non si applica. Una limitazione che è concepita per supportare i consumi nei giorni tradizionalmente meno affollati, ma non meno importanti per la ripresa economica delle strutture ricettive.

Pub e ristoranti, per poterne usufruire, devono registrarsi entro il 31 agosto sul sito dell HM Revenue & Customs (qui il link) e devono essere accreditati presso le autorità competenti quale attività ristorativa almeno dal 7 luglio.

Il voucher prevede il consumo di qualsiasi alimento, ad esclusione delle bevande a base alcolica. Sono anche esclusi i prodotti a base di tabacco e non può essere scaricato neanche il service charge. La lista dei locali convenzionati a disposizione del consumatore sarà disponibile da questa settimana attraverso un’app che mostrerà nel raggio di due miglia pub e ristoranti aderenti.

L’iniziativa sarà effettiva dal 3 e fino al 31 agosto, ma si potrà ottenere il rimborso delle somme scontate fino al 30 settembre, quando l’iniziativa sarà definitivamente chiusa.

Una misura questa che fa il paio con il taglio dell’Iva, o VAT a dirla all’inglese, al 5% rivolta in questo caso non solo al settore della ristorazione, ma più ampiamente alle strutture ricettive che fanno turismo.

La riduzione dell’accisa varrà dal 15 luglio fino al 12 gennaio 2021 per incrementare, nell’idea del team economico dell’inquilino del no. 11 di Downing st., dove per l’appunto risiede il cancelliere, consumi e presenze nella finestra temporale che dall’estate si allunga fino alla stagione natalizia, quando, secondo il dirimpettaio al no. 10, Johnson, saremo rientrati alla piena normalità.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.