Vaccino anti-Covid: Oxford sospende i test in accordo con la farmaceutica AstraZeneca

Arriva anche il monito alla stampa italiana da parte di un ricercatore italiano: “Vaccino pronto entro novembre? E’ una bufala"

Vaccino anti-Covid: Oxford sospende i test in accordo con la farmaceutica AstraZeneca

 

Stop alla sperimentazione sull’uomo del vaccino anti-Covid, in corso presso i laboratori dell’Università di Oxford. L’azienda farmaceutica AstraZeneca, associata all’ateneo britannico nella sperimentazione del vaccino, ha infatti deciso di sospendere tutti i test clinici su scala globale dopo la comparsa di una reazione inaspettata su uno dei volontari partecipanti al programma.

Secondo la multinazionale si tratta solo di una “normale procedura di routine” che si verifica di frequente per assicurare l’integrità dei test e la massima sicurezza dell’antidoto. Le prove cliniche potrebbero riprendere già nei prossimi giorni, ma intanto questa sospensione inaspettata rischia di allungare ulteriormente l’attesa per un antidoto al coronavirus.

Il vaccino AstraZeneca-Oxford è visto come uno dei contendenti più forti tra decine in lavorazione nel mondo e si sperava fosse tra i primi ad arrivare sul mercato. Dopo aver superato con successo le prime fasi di sperimentazione era entrato da poco nella Fase 3, che prevede la partecipazione di circa 30mila persone non solo in Gran Bretagna, ma anche Stati Uniti, Brasile e Sudafrica.

A puntare alle prime dosi entro la fine dell’anno anche l’Italia. Tanto che nei giorni scorsi su diversi quotidiani italiani erano apparsi titoli che promettevano “10 millioni di dosi entro novembre” grazie al lavoro dei ricercatori di Oxford.

Ma a smentire la notizia proprio in questi giorni è uno ricercatore italiano, Andrea Mazzella, che su Twitter scrive perplesso: “Interessante come la stampa in Italia riporti una distribuzione di massa del vaccino entro novembre. Io lavoro a questa sperimentazione e questa è una notizia anche per me…

Ha poi proseguito: “Mi chiedo però come mai i media italiani non abbiano pensato quanto meno di controllare con i media britannici, che in questi giorni non hanno fatto alcun commento su questa sperimentazione del vaccino“.

 

 

 

@AgostiniMea


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.