Trasporti pubblici, a Londra i più cari al mondo

Lo rivela un rapporto della "Deutsche Bank". Costo giustificato dai continui potenziamenti della rete: prossimamente anche nuovi colori ai bus per identificare i percorsi, così come accade nella Tube

Trasporti pubblici, a Londra i più cari al mondo

 

Londra è la capitale dove il trasporto pubblico costa di più rispetto al resto del mondo. La conferma giunge da una indagine commissionata dalla Deutsche Bank sulla qualità della vita nelle maggiori città internazionali.

Il costo medio di un abbonamento mensile nella capitale inglese, quello che possiamo far rientrare nelle zone 1 e 2, è di 127 sterline, che a Dublino vale 102 sterline, ad Auckland £95, New York £91 e Tokyo £86, stando ai relativi controvalori partendo dalle monete locali; seguono poi Amsterdam £84, Sydney £83, Zurigo e Melbourne £82, e Toronto £80.

Rispetto a quasi tutte le città appena citate, il sistema di trasporti pubblici londinese è indubbiamente molto più vasto, organizzato ed efficiente, giustificando così un maggiore costo dell’abbonamento su base mensile.

Ma è nel caso di Tokio che però la sfida viene persa: la capitale giapponese ha infatti una rete molto più vasta di quella di Londra (13 linee di metropolitana contro 11), molto più moderna (il primo sistema di guida totalmente automatica risale al 1995, il Yurikamome), come è ben noto sono sempre puntuali (ne fanno una questione di orgoglio nazionale), e dove l’abbonamente costa circa 1/3 in meno rispetto proprio a Londra: 127 sterline contro 86.

Dalla sua, Londra può comunque difendersi facendo leva sui continui miglioramenti che da qualche anno a questa parte vengono apportati all’intera rete: dai treni senza autista della DRL, al cambio dei vagoni con quelli più moderni e confortevoli lungo le linee più antiche, come la Central e la Bakerloo, passando alla nuova linea, la viola, l’Elizabeth Line che verrà inaugurata il prossimo anno trasportando persone anche oltre i confini londinesi, da est ad ovest.

Ma il potenziamento del sistema dei trasporti pubblici non riguarda solo quelli su rotaia, quanto anche su gomma. Tra poche settimane i celebri Double Decker oltre all’inconfondibile colore rosso, verranno dotati di un nuovo colore in base al tragitto che quotidianamente percorrono.

Il progetto della TFL, l’azienda dei trasporti pubblici londinesi, è quello di identificare ogni bus con il suo classico numero, ben visibile sui quattro lati, e identificato da uno specifico colore, dando così ai viaggiatori la possibilità di capire subito se si tratta di quello giusto

Per chi fosse interessato ad approfondire il rapporto della Deutsche Bank, qui il link.