Tornano gli scioperi nel paese: sabato blocco totale dei trasporti su rotaia

Una scelta di data non casuale: nel weekend ci saranno la maratona di Londra e la protesta del movimento Don't Pay, e la conferenza dei Tory a Birmingham

Tornano gli scioperi nel paese: sabato blocco totale dei trasporti su rotaia

 

Tornano gli scioperi nel settore dei trasporti su rotaia. Il prossimo è programmato per questo sabato, 1 ottobre. Una scelta non casuale, perché proprio durante il weekend si terranno tre eventi molto importanti: a Londra si svolgerà la maratona che richiamerà centinaia di migliaia di persone tra atleti, molti dei quali provenienti dal resto del paese, e pubblico che farà da cornice. Il giorno prima, invece alla stazione di King’s Cross alle ore 12 si sono dati appuntamento i componenti del movimento spontaneo Dont’ Pay con l’obiettivo di manifestare contro il governo per via del rincaro delle bollette energetiche.

E sempre da questo sabato prenderà il via a Birmingham la conferenza annuale del partito dei Conservatori, altro evento che è solito richiamare centinaia di persone provenienti dagli altri territorii del Regno Unito.

Lo sciopero, ancora una volta, è per via delle controversie in essere tra i sindacati che rappresentano i lavoratori, e Network Rail, la società nazionale dei trasporti su rotaia, sulla retribuzione e le condizioni di lavoro.

La protesta era stata inizialmente programmata per metà settembre, ma è stata poi annullata dopo la notizia della morte della regina e relativo periodo di commemorazioni durato dieci giorni.

I macchinisti rappresentati dal sindacato Aslef, nonché i lavoratori rappresentati dal sindacato ferroviario, marittimo e dei trasporti (RMT) e dalla Transport Salaried Staffs’ Association (TSSA) incroceranno le braccia per l’intera giornata di sabato, ma sono programmati anche dei disservizi per la giornata a seguire, domenica 2 ottobre. E’ bene quindi tener presente che molti servizi verranno cancellati completamente, e quelli in esecuzione lasciati operativi per mantenere comunque un minimo di offerta per chi necessità di spostarsi, potrebbero registrare notevoli ritardi sia in partenza che all’arrivo.

I prossimi scioperi, qualora non si riuscisse a trovare un accordo prima, sono programmati per mercoledì 5 e sabato 8 ottobre.