Cocaina e crimine organizzato, ne parla Roberto Saviano a Londra il 1 luglio

Lo scrittore napoletano sarà alla Royal Geographical Society, per un incontro con il pubblico organizzato da Intelligence Squared

Cocaina e crimine organizzato, ne parla Roberto Saviano a Londra il 1 luglio

 

Lo scrittore Roberto Saviano sarà a Londra il prossimo 1 luglio 2015 per un incontro con il pubblico, alla Royal Geographical Society in South Kensington.

Una rara opportunità per incontrare e ascoltare dal vivo uno degli autori più significativi del nostro tempo. Il giornalista che con Gomorra ha svelato i retroscena della camorra, ricevendo in cambio una condanna a morte che lo ha praticamente privato della libertà: dal 2006 Saviano è costretto a vivere da sorvegliato a vista, in località segrete, perennemente sotto scorta.

A Londra, Saviano parlerà della guerra contro il crimine organizzato, in conversazione con Fergal Keane, corrispondente estero della BBC, e con l’ausilio di un interprete.  Ascolteremo la sua esperienza di giornalista investigativo, gli inizi come reporter nelle strade di Napoli, le ricerche che lo hanno portato a scrivere Gomorra, per poi arrivare al suo ultimo lavoro: Zero Zero Zero. Un romanzo-inchiesta pubblicato nel 2013 interamente dedicato alla cocaina. La droga dei nostri tempi, ubiqua, diffusissima anche a Londra.

La tesi di Saviano, sostenuta nel libro, è che il commercio di cocaina è parte integrante dell’economia globale. Un mercato del valore di $400 miliardi, intermediato dalle banche della City che generano profitti senza essere accusati di svolgere attività criminale.  Come scrive nell’introduzione del libro «Non esiste mercato al mondo che renda più di quello della cocaina. Non esiste investimento finanziario al mondo che frutti come investire in cocaina. Dietro il suo candore nasconde il lavoro di milioni di persone».

L’incontro di Londra sarà anche un’occasione per ascoltare da Saviano cosa significhi vivere da recluso a causa del suo lavoro. Una condizione che lo scrittore ha descritto in modo duro e amaro in un recente articolo dal titolo “My life under armed guard” pubblicato sul Guardian: «È una vita di merda» scrive Saviano – è dura descrivere quanto sia orrenda. Io esisto dentro quattro mura, e l’unica alternativa è fare apparizioni pubbliche. Mi posso trovare alla accademia dei Nobel a partecipare a un dibattito sulla libertà di stampa, oppure dentro una stanza senza finestre, all’interno di una caserma di polizia». «Ho realizzato il sogno di ogni scrittore – un bestseller internazionale  – continua Saviano – ma la mia vita è stata avvelenata».

L’incontro con Roberto Saviano è organizzato da Intelligence Squared, una organizzazione che dal 2002 presenta dibattiti su temi di attualità, con personalità di spicco del mondo della politica, del business, della cultura.

L’evento avrà inizio alle 7pm. I biglietti possono essere acquistati online al prezzo di £30 (£15 per gli studenti).

 

Francesco Ragni

Londra, 17/6/2015

photo: Serena Serrani (dal sito www.robertosaviano.com)