Regno Unito, addio a benzina e diesel entro il 2040

L'altra sfida sarà realizzare in tempo sull'intero territorio una rete capillare di colonnine per la ricarica delle auto elettriche

Regno Unito, addio a benzina e diesel entro il 2040

 

Ventitré anni per togliere dalla circolazione tutti i mezzi a benzina e diesel e, impresa ancora più grande, piazzare un enorme numero di colonnine di ricarica lungo i 242mila chilometri quadrati che equivalgono alla superficie del Regno Unito. Parliamo della data di scadenza che si è fissata l’UK, 2040 per l’appunto, per diventare uno dei paesi più ecologici del pianeta.

Già dal giorno del suo insediamento, poco più di un anno fa, il sindaco di Londra Sadiq Khan aveva fatto della lotta all’inquinamento un suo cavallo di battaglia. Varie azioni erano state messe in campo, dai nuovi bus a idrogeno al potenziamento della rete viaria dedicata esclusivamente alle biciclette, ma serviva qualcosa di molto più concreto e, soprattutto, decisivo per contrastare l’aumento dei livelli di polveri sottili presenti nell’aria.

Da qui la scelta del Governo di dire addio ai mezzi alimentati a benzina e diesel fissandosi una data e lavorando affinché si possa giungere a quel momento preparati per lo switch-off, volendo prendere in prestito un termine che segnò un altro epocale passaggio, quello dalla tv analogica alla digitale. Fino ad oggi sono stati messi in campo circa 3 miliardi di sterline per sostenere progetti dedicati al miglioramento della qualità dell’aria; in queste ore sono stati aggiunti altri 255 milioni di fondi pubblici per dare una ulteriore accelerata.

Ventitré anni non sono certamente pochi, ma il lavoro da fare è indubbiamente enorme. Soprattutto perché la sfida più grande, come anticipato, non è solo quella riguardante il passaggio dai mezzi a combustione a quelli alimentati a energia, per altro già in atto ma più come iniziativa dei singoli che dei governi centrali, quanto fare in modo che il Regno Unito riesca a dotarsi di un sistema capillare di approviggionamento dell’energia, come ad oggi lo sono i classici distributori di carburante.

Il tempo a disposizione e i progressi della tecnologia fortunatamente stanno giocando a favore del Regno Unito così come della Francia, primo paese europeo ad aver fissato il 2040 per dare l’addio a benzina e diesel. Sicuramente anche altri paesi del Vecchio continente seguiranno l’esempio fissandosi date per questa epocale svolta.