Quando 20mila morti sarebbero stati un buon risultato per il governo britannico

Nel Regno Unito superate oggi le 21mila vittime ospedalizzate per contagio da coronavirus

Quando 20mila morti sarebbero stati un buon risultato per il governo britannico

 

Era il 17 marzo scorso quando Sir Patrick Vallance (nella foto in alto), consulente scientifico del governo britannico, dichiarava che se avessero contenuto in tutto il paese le morti per contagio da coronavirus attorno alle 20mila sarebbe stato un buon risultato. Orribile, ma comunque un risultato che gli avrebbe permesso di mettere sotto controllo l’emergenza sanitaria.

Alla data di oggi, 27 aprile, l’ultimo bollettino parla di 21.082 vittime e oltre 150mila contagiati in ambito ospedaliero, ai quali vanno aggiunti gli altri registrati all’interno delle case di cura e delle abitazioni private, che ancora non vengono sommati al totale ufficiale.

Previsioni, quelle del governo britannico, smentite appena un mese dopo la messa in vigore del lockdown che andrà avanti fino al prossimo 7 maggio e che molto probabilmente verrà esteso di qualche altra settimana.

A confermarlo il premier Boris Johnson nel primo discorso effettuato dopo tre settimane di convalescenza quando lui stesso è stato colpito dal covid-19. Ha affermato che ci vuole tanza pazienza ma soprattutto tanta attenzione per contenere la curva del contagio.

Il principale riferimento è stato all’NHS e a tutti i suoi lavoratori “che fino ad ora hanno risposto bene al duro contraccolpo ricevuto dall’emergenza sanitaria” , ha detto il primo ministro, che poi ha aggiunto “rimanere ancora a casa, ha aggiunto il primo ministro, permette al sistema sanitario di non andare in sovraccarico per il rischio di una crescita della curva dei contagi”.

Se ci sarà un allentamento delle misure restrittive, e di certo non una sospensione, verrà deciso nei prossimi giorni in base ai risultati ottenuti. Niente più previsioni, quindi, come fece Sir Patrick Vallance (video in basso), ma ora l’atteggiamento di Downing Street è di diffondere solo informazioni precise e regole da seguire, visto che l’essere stati troppo blandi ha quasi messo in gioco la vista dello stesso primo ministro.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.