Orrore in un parco a west London, trovati animali decapitati

meanwhile-gardens-pond
Foto: www.europealacarte.co.uk/blog

 

Un gatto, un cane, un’oca e alcuni giovani scoiattoli sono gli animali ritrovati decapitati, secondo quando riportato dai residenti, a Meanwhile Gardens  un piccolo parco sulla sponda del Grand Union Canal, vicino alla stazione di Westbourne Park, North Kensignton.  La polizia sta adesso cercando il criminale responsabile di queste orrende mutilazioni.

I residenti hanno avvisato le forze dell’ordine dopo il primo ritrovamento, avvenuto lo scorso 14 Settembre, di un’oca e di un gatto entrambi con la testa tagliata. Sono intervenuti gli agenti della Wildlife Crime Unit della Metropolitan Police, che hanno chiesto aiuto agli abitanti del posto per tracciare il profilo del killer degli animali, e hanno affisso locandine nella zona per incoraggiare possibili testimoni a fornire informazioni.  Non vi sono state altre denunce formali alla Polizia, ma i visitatori del parco sostengono che le decapitazioni sono continuate includendo anche un cane e alcuni scoiattoli.

Maggie Smith, 61 anni, giornalista in pensione che vive nei paraggi, ha dichiarato all’Evening Standard‘: “È curioso e ovviamente la polizia vuole trovare chi sta facendo tutto questo ed è preoccupata riguardo alla situazione. Io ho dei gatti e fortunatamente loro non si allontanano ma ci sono quelli di altre persone che lo fanno.  È tremendo pensare che c’è qualcuno là fuori che sta braccando questi poveri animali, semplicemente orribile”.  “Io vado al parco quasi ogni giorno, è un posto molto tranquillo, ma è spaventoso pensare a quello che sta accadendo là”.

Un portavoce della Meanwhile Gardens Community Association, l’organizzazione che supervisiona i quattro acri del giardino, ha detto che lo staff era ignaro delle decapitazioni.

Nella capitale del Regno Unito si era verificato un caso analogo lo stesso mese di tre anni fa, e precisamente il 22 ottobre 2011, presso il Brent Lodge Animal Park sempre nella zona ovest di Londra.  In quell’occasione un wallaby (un piccolo canguro) fu trovato decapitato. La polizia all’epoca dei fatti aprì una vera e propria caccia per inchiodare il colpevole senza riuscirci.

Episodi simili si sono purtroppo registrati anche in Italia nel corso degli ultimi anni, con il ritrovamento di animali decapitati (orsi, cavalli, lupi, cervi, stambecchi) sia nel Parco Nazionale d’Abruzzo che nel Parco Regionale dell’Adamello, chiari episodi di stampo mafioso volti a minare il delicato ecosistema dei parchi stessi.