Non c’è coronavirus che tenga: il 31 dicembre l’UK chiude definitivamente con l’Europa

Sono ripresi oggi i colloqui tra Londra e Bruxelles. Downing Street conferma la tabella di marcia della Brexit

Non c’è coronavirus che tenga: il 31 dicembre l’UK chiude definitivamente con l’Europa

 

Dopo un periodo di stop alle attività dovuto all’emergenza sanitaria connessa al coronavirus che ha toccato in prima persona anche i capi negoziatori Michel Barnier e David Frost, oggi si è tenuto il primo dei tre incontri negoziali per stabilire le modalità di uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.

Il colloquio, così come i successi, vengono svolti in videoconferenza. Una novità che riguerderà anche il più antico parlamento del mondo, Westminster, che proprio da domani aprirà in versione virtuale per dibattere alcuni importanti argomenti legati al futuro politico ed economico del paese, tra tutti il post Brexit.

L’obiettivo, come sempre, è quello di trovare un accordo commerciale che sostituisca l’attuale mercato unico e l’unione doganale europea vigente. Tra gli altri punti nevralgici di discussione ci sono anche molte questioni legate alla gestione dei servizi finanziari tra paesi, i diritti di pesca, gli scambi universitari e tanto altro.

Data la portata e le modalità di questi negoziati, sono sempre più frequenti ed insistenti da parte di alcuni esponenti parlamentari le richieste di una proroga del periodo di transizione. Anche il governo scozzese ha invitato il premier Boris Johnson a prorogare di due anni il periodo.

Michael Russell, segretario di gabinetto della Scozia per l’Europa ha affermato che un’estensione manterrà l’UK il più vicino possibile all’UE e offrirà l’opportunità di ripensare le relazioni future soprattutto in tempi più tranquilli, quando il paese non sarà più sotto pressione per l’emergenza sanitaria.

Tuttavia, Johnson, il ministro delle Finanze Rishi Sunak e anche il capo negoziatore britannico Frost, hanno affermato che nonostante i ritardi e le incertezze dovuti alla pandemia il Regno Unito lascerà definitivamente l’Unione Europea il 31 dicembre a costo nuovamente di un no-deal, ossia un’uscita senza accordo.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.