“Made in Sardinia”, a Londra l’isola protagonista sul grande schermo

Da oggi a sabato il festival di film e corti presso l'Istituto di cultura e il Cinema Curzon Bloomsbury

“Made in Sardinia”, a Londra l’isola protagonista sul grande schermo

 

Quattro giorni dedicati alla Sardegna, alla sua cultura, tradizione e soprattutto alla sua comunità tra le più vaste storicamente presenti a Londra.

Si tratta di Made in Sardinia, un festival cinematografico a ingresso gratuito che prende il via oggi per concludersi sabato, offrendo ogni giorno proiezioni di film e documentari che ripercorrono la grande isola in lungo e in largo, attraverso storie e personaggi, alcune volte reali, altre inventati.

Ogni singola proiezione sarà abbinata a un Q&A con registi e attori, per offrire anche un’interazione maggiore tra autori e spettatori.

Oggi alle 18 all’Istituto italiano di Cultura di Londra al 39 di Belgrave Square si terrà l’inaugurazione ufficiale con Il Clan dei Ricciai del regista Pietro Mereu presente all’incontro al termine della proiezione. Subito dopo sarà la volta de Le Favole iniziano a Cabras di Raffaello Fusaro, anche in questo caso il regista sarà protagonista del Q&A.

Domani, giovedì 29 sempre dalle 18 presso l’Istituto di cultura, la giornata si aprirà con Lunadigas di Nicoletta Nessler e Marilisa Piga, al quale seguirà L’uomo con la Lanterna di Francesca Lixi, entrambi seguiti dall’incontro con i registi.

Venerdì le proiezioni si sposteranno al Cinema Curzon Bloomsbury a Brunswick Square e in programma sempre con inizio alle ore 18.30 ci sono le proiezioni del corto Sinuaria di Roberto Carta, Surbiles di Giovanni Columbu (presente all’incontro) e L’arbitro di Paolo Zucca.

Stessa location e stessa ora di inizio anche per le proiezioni dell’ultimo giorno del festival, sabato, che ha in programma il documentario A casa mia di Mario Piredda, e i lungometraggi Stoffa dei Sogni di Gianfranco Cabiddu (presente al Q&A) e Bellas Mariposas di Salvatore Mereu.

“Made in Sardinia” è una iniziativa dell’Istituto Italiano di Cultura di Londra, della Regione Sardegna, della Fondazione Sardegna Film Commission e dell’Istituto Luce Cinecittà.

Per maggiori informazioni si può visitare il sito internet ufficiale a questo indirizzo.

Foto “La Stoffa dei Sogni”