Londra sperimenta le prime strisce pedonali 3D del Regno Unito

Il test durerà dodici mesi per capire la sensazione del guidatore nell'approcciare un ostacolo che in realtà non esiste

Londra sperimenta le prime strisce pedonali 3D del Regno Unito

 

Londra sperimenta le prime strisce pedonali in 3D del Regno Unito. Sono comparse da pochi giorni sulla St John’s Wood Street (foto in alto), situata a nord della capitale e poco distante da uno degli attraversamenti pedonali più famosi al mondo, quello di Abbey Road protagonista di una celebre copertina dei Beatles.

La tecnica utilizzata per realizzare queste particolari zebre non è nuova, essendo stata ideata per gli eventi sportivi trasmettessi in tv, durante i quali i cartelli degli sponsor appaiono in formato tridimensionale agli occhi degli spettatori a casa, quando in realtà sono disegnati bidimensionalmente sul campo di gioco.

La Tim fu la prima ad adottarli in Italia come sponsor principale della serie A, disegnando questi particolari cartelli pubblicitari con la tecnica 3D ai lati delle porte.

Le strisce pedonali 3D di St John’s Wood Street

Un metodo che che da qualche anno è stato adottato anche in ambito civile, risultato efficace proprio lungo le strade urbane.

Dopo i primi esperimenti, molte città in giro per il mondo hanno deciso di adottare questo sistema su alcune delle arterie più trafficate, comprese Bologna e Trieste.

Ora è la volta di Londra che proprio a St John’s Wood Street ha realizzato le prime strisce in 3D del Regno Unito per un esperimento che durerà 12 mesi.

La sensazione che vive l’automobilista quando approccia l’attraversamento pedonale è quello di ritrovarsi di fronte a un ostacolo che lo porta a rallentare notevolmente.

Nel periodo dell’esperimento il council, il municipio nel quale ricade la strada in questione, testerà tutte le eventuali criticità che queste nuove zebre potrebbero generare, comprese eventuali brusche frenate generate da un ostacolo che in realtà non esiste.


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.