Londra cancella la festa a Trafalgar Square per l’arrivo del nuovo anno

Mentre i fuochi d'artificio ci saranno ma solo in diretta sulla BBC. Per Downing Street "l'introduzione di ulteriori restrizioni è ancora sul tavolo"

Londra cancella la festa a Trafalgar Square per l’arrivo del nuovo anno

 

A Londra niente festeggiamenti in piazza per l’arrivo del nuovo a Londra. Niente celebrazioni in presenza a Trafalgar Square così come a Piccadilly Circus, mentre i celebri fuochi d’artificio ci saranno, ma sarà possibile ammirarli solamente seguendo la diretta della BBC.

La decisione è stata presa dal sindaco Sadiq Khan a causa dell’aumento dei casi di Covid nella capitale inglese, alimentato dalla variante Omicron.

Coloro che avevano già acquistato il biglietto per la festa a Trafalgar Square attendevano di vivere una notte all’insegna della musica dal vivo, delle bancarelle di cibo, con grande schermo pronto a proiettare il countdown in vista dell’arrivo del 2022. Ora tutto è stato cancellato.

Anche nelle ultime 24 ore il Regno Unito ha registrato numeri record di contagi, ben 91.743, con 44 vittime e 919 nuovi ricoveri. “Con le infezioni di Covid a livelli record in tutta la nostra città e paese – ha detto Khan – cancellare tutti i festeggiamente in presenza nei luoghi pubblici era la decisione più ovvia da prendere in difesa della salute pubblica. Sono determinato a lavorare a stretto contatto con le organizzazioni della nostra città per fare tutto il possibile per rallentare la diffusione della nuova variante e garantire che i nostri servizi NHS non vengano sovraccaricati quest’inverno“.

Come anticipato, questo sta a significare che non verrà più organizzato l’evento celebrativo per l’arrivo del nuovo anno con 6.500 persone a Trafalgar Square. “Sarà molto deludente per molti londinesi – ha aggiunto il sindaco – ma dobbiamo prendere le misure drastiche per ridurre la diffusione del virus“.

Da Downing Street intanto nessuna novità riguardante ulteriori restrizioni da attuare durante i prossimi giorni di Natale anche se Boris Johnson ha avvertito che l’introduzione di ulteriori regole è ancora sul tavolo. “La situazione Omicron è estremamente difficile“, ha infatti dichiarato il premier citato da Sky News,  parlando della diffusione della nuova variante del coronavirus nel Regno Unito. Johnson ha anche aggiunto che ”ci sono ancora alcuni elementi da chiarire che giungeranno dal monitoraggio continuo che stiamo effettuando sui dati Covid di ora in ora”.