L’Home Office rinnova il prezzario dei visti. Dall’1 gennaio ecco tutti i costi a carico degli europei

Da quelli essenziali per ottenere lavoro passando ai turistici, per studio, familiari e agli speciali

L’Home Office rinnova il prezzario dei visti. Dall’1 gennaio ecco tutti i costi a carico degli europei

 

L’Home Office ha pubblicato una scheda aggiornata dei costi di visti di ingresso, permessi di soggiorno e domande di cittadinanza. I prezzi, davvero alti, sono spesso stati oggetto di critica e in giugno 2019 la High Court ha dichiarato illegale il fatto che per richiedere la cittadinanza un minore dovesse sborsare £1,012, un costo proibitivo per tanti e particolarmente per bambini affidati ai servizi sociali.

Secondo l’Alta Corte l’ottenimento della cittadinanza britannica è nell’interesse del minore e pertanto la necessità di pagare una somma elevata pregiudica tale interesse.

Il caso è tuttora in fase di appello, con un’udienza prevista a fine ottobre 2020, e quindi l’Home Office al momento non ha ritenuto opportuno ridurre i propri prezzi. Anche se non ci sono ribassi, se non altro la tabella appena pubblicata mostra che non c’è stato alcun aumento.

Anzi, la spesa necessaria per una richiesta di visto per lavorare nel settore sanitario, pagabile da cittadini non europei, è notevolmente diminuita, causa carenza di personale. Il costo, ridotto oltre il 50%, dovrebbe essere un segnale di incoraggiamento per medici ed infermieri a lavorare in UK.

Le domande di pre-settled e settled status, cosi come quella di family permit, per favorire l’ingresso di un familiare non europeo, restano gratutite.

Gli europei che arriveranno nel Regno Unito dal prossimo gennaio, saranno però soggetti alle norme di immigrazione applicabili agli extra-europei, e in molti casi dovranno pagare le stesse cifre.

Ad esempio, una domanda per un visto di lavoro generalmente costa da £610 per un permesso della durata inferiore a tre anni, a £1,220 per uno di durata maggiore, e può essere presentata solo in presenza di un’offerta di lavoro da parte di una società in possesso di una licenza per sponsorizzare lavoratori stranieri.



Il costo di questa licenza, che dura quattro anni, varia a seconda della grandezza della società richiedente e va da meno di £500 fino a £25,000 per una grande azienda.

Un altro tipo di permesso di soggiorno che probabilmente verrà utilizzato dagli europei è il Global Talent Visa, che ha sostituito il precedente “Exceptional Talent Visa” e permette a chi può dimostrare con titoli ed esperienza di essere particolarmente bravo nel proprio settore, di entrare nel Regno Unito e lavorare senza bisogno di avere un’offerta fissa. Il costo totale di questo visto è circa £1,200 pagabili in diversi momenti del procedimento.

Il visto che costa più di tutti è quello che permette l’ingresso di un familiare diverso da coniuge, partner o figli minori. Si chiama adult dependent relative e per richiederlo si devono sborsare £3,250.

Oltre ad essere molto costoso, l’adult dependant relative è stato definito il visto impossibile, in quanto i requisiti da soddifare per ottenerlo sono interpretati in modo talmente restrittivo che pochissime domande hanno avuto successo, e spesso solo dopo un procedimento di appello. Come per gli altri visti e domande, in caso di rifiuto, la cifra pagata non verrà restituita.

Fortunatamente, gli europei che risiederanno nel Regno Unito entro dicembre 2020 potranno portare genitori ed altri parenti tramite una procedura più semplice ed economica e non dovranno servirsi del visto impossibile.

E’ bene quindi affrettarsi a richiedere il pre-settled o settled status, non solo per garantirsi il diritto di rimanere in UK senza problemi, ma anche per evitare di dover pagare in futuro cifre elevate per qualcosa che oggi è ancora ottenibile gratuitamente.

A questo indirizzo internet è pubblicata la lista di tutti i costi dei vari visti applicati dall’Home Office.


L’autrice di questo articolo è Gabriella Bettiga director di MGBe Legal. Per contattarla gabriella@mgbelegal.com

Foto @WikiMedia – Riproduzione vietata – All Rights Reserved


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.