La grande famiglia di Londra Bianconera

Nato nel 2014 dall'iniziativa di due giovani studenti italiani è lo Juventus Club che raduna i tifosi bianconeri, italiani e non, in tutto il Regno Unito

La grande famiglia di Londra Bianconera

 

Ci ha scritto la redazione dello Juventus Club di Londra raccontandoci la loro storia, fatta di amore per il calcio, passione ed amicizia. Eccola.

Lo Juventus Club “Londra Bianconera“, che con oltre 120 soci è diventato il più numeroso del Regno Unito, nasce nell’autunno 2014 da un’intuizione di due giovani studenti italiani, Antonio e Matteo, che si erano appena trasferiti dall’Italia per motivi di studio. Girando per i pub della città trovavano sempre qualche juventino che si guardava la partita da solo, così è nata l’idea di creare un unico Juventus Club in cui riunire tutti i tifosi bianconeri di Londra. In fondo, era paradossale che una grande metropoli come Londra, con quasi mezzo milione di italiani, non avesse un luogo di raduno dove ritrovarsi a condividere la passione per la Juve. Così, un po’ per gioco, hanno cominciato a pubblicizzare il progetto: tappezzando di volantini i bar italiani più gettonati, reclutando nuovi membri all’università e usando i social media per ampliare il bacino d’utenza. Infine, vista la grande immigrazione italiana in Inghilterra, non è stato così difficile scavalcare il recinto degli 80 soci, che sono la soglia necessaria per aprire un Club Doc, uno tra quelli riconosciuti ufficialmente dalla Juventus.

 

La partita al pub Famous Three Kings
La partita al pub

 

Nel frattempo hanno anche trovato una sede, il Pub “Famous Three Kings” nel quartiere di West Kensington, dove si riuniscono ogni fine settimana per guardare la partita. Nel giro di pochi mesi, il Pub si è trasformato in un luogo di culto: alcuni ci trascorrono intere domeniche, guardando una rassegna completa della giornata calcistica tra una pinta di birra e una chiacchierata tra amici. Il raduno al Three Kings è ormai diventato un rito immancabile, anche per chi non vive a Londra. Un gruppo di tifosi viene addirittura da Oxford, quasi ogni fine settimana, per guardarsi la partita, ma soprattutto per godersi una giornata tra amici.

 

All'Etihad Stadium di Manchester
All’Etihad Stadium di Manchester

 

Questi rapporti speciali si sono cementati in giro per l’Europa, nei viaggi che vengono organizzati dal Club per seguire la Juventus. L’anno scorso, oltre che in Italia, si sono recati in gruppo a Manchester, Siviglia e Monaco di Baviera; si è subito creato un clima speciale, un’atmosfera da gita scolastica, che rende il viaggio qualcosa in più di una semplice trasferta.

 

A Siviglia
Incontri speciali a Siviglia

 

La Juve è diventata il pretesto per prendersi alcuni giorni di vacanza, visitare una città sconosciuta, scoprire una nuova cultura, magari anche un modo diverso di vivere il calcio, e nel frattempo compiere una prova di fedeltà verso la propria squadra. Le trasferte sono un momento cruciale: si formano delle amicizie, si creano degli aneddoti da tramandare nel tempo, e si scopre qualcosa in più sugli altri connazionali che vivono in Inghilterra, sempre attraverso il filo rosso della Juve.

Ad esempio, per alcuni Italo-inglesi nati e cresciuti oltre la Manica, la Juve rimane l’unico legame con il Paese dei loro nonni. Alcuni di loro – a dispetto di una conoscenza approssimativa del nostro paese, e di un accento tipicamente britannico – si sentono italiani solamente allo stadio. La maggior parte dei soci, tuttavia, si è trasferita in Inghilterra per motivi di studio o di lavoro. Per loro il club rappresenta qualcosa di diverso: un modo per spezzare la quotidianità, ed abbracciare un angolo d’Italia nel bel mezzo di Londra.

 

All'Olympic Stadium di Londra
All’Olympic Stadium di Londra

 

Così il Club non si limita a celebrare la Juve una volta a settimana, ma organizza anche degli eventi sociali per trascorrere più tempo insieme: a Dicembre è stata organizzata una cena per celebrare Natale e le festività di fine anno in compagnia; durante l’anno un torneo di calcio con gli altri fan Club del Regno Unito. Si è costruito un legame talmente profondo, così forte, che una coppia di soci ha deciso di tesserare al Club loro figlio, che ancora deve nascere, per fargli avere una coscienza bianconera sin dal primo giorno.

(Foto e Testi: Redazione Juventus Club DOC Londra Bianconera)

Link Londra Bianconera: Il sito e la pagina Facebook