Sala a Khan: “Londra modello per Milano sulle periferie”

Londra, Italia ha intervistato il sindaco di Milano sul recente colloquio con il primo cittadino Sadiq Khan

Sala a Khan: “Londra modello per Milano sulle periferie”

 

Qualche settimana fa Beppe Sala, neo sindaco di Milano, è volato in UK per incontrare il nuovo sindaco di Londra Sadiq Khan. Sala ha attraversato la Manica subito dopo il referendum sulla Brexit, per perorare la causa del capoluogo lombardo, e cercare di portare in Italia alcuni pezzi pregiati dell’Unione Europea, come l’agenzia del farmaco (European Medicines Agency) e l’autorità bancaria (European Banking Authority). Tra le strategie di Palazzo Marino, quella di trasformare l’area Expo in una zona franca per favorire l’afflusso di imprese e capitali. Come prevedibile, Khan ha glissato sull’argomento, e nell’incontro ha preferito parlare di problemi pratici: il rapporto tra i due, nonostante l’ovvia rivalità, è rimasto cordiale. Merito anche dei buoni uffici a livello internazionale che Sala si è costruito negli anni da manager.

“Abbiamo parlato ovviamente di Brexit, senza avere un atteggiamento ostile” ha spiegato oggi il sindaco a Londra, Italia, a margine di un incontro di presentazione delle prime startup nate con il sostegno della sua amministrazione. “Milano non compete con Londra, una ha tre milioni di abitanti inclusa l’area metropolitana, l’altra otto; ma abbiamo cercato di far capire che se agenzie europee o parti del mondo della finanza dovessero lasciare la City, possiamo essere la meta ideale”. La competizione può essere superata guardando al pratico. “Collaboreremo soprattutto su ambiente, mobilità e urbanistica – continua il sindaco – Possiamo imparare dagli inglesi riguardo ai mezzi di trasporto, tema caldo qui da noi. A Londra hanno fatto sicuramente un buon lavoro in questo senso, oltre che sui sistemi di controllo dell’inquinamento. Ci siamo dati appuntamento a settembre”.

Ma la capitale inglese ha molto da insegnare anche riguardo alle periferie industriali. Quartieri come Shoreditch o Peckham sono stati non solo riqualificati, ma sono diventati di gran moda. Un modello da seguire anche per il primo cittadino milanese. “Dobbiamo essere in grado di attrarre investimenti, come loro. Gli investitori stranieri non sono il diavolo, vanno attirati. La riqualificazione passa da lì”. E non c’è dubbio che a Londra, in questo, siano maestri.

Antonio Piemontese

Milano, 9/8/2016