Incendio alla Grenfell Tower: identificato anche il corpo di Marco Gottardi

E' stato necessario l'esame del Dna, era accanto a quello della fidanzata Gloria. 41 le persone ancora non identificate

Incendio alla Grenfell Tower: identificato anche il corpo di Marco Gottardi

 

E’ stato identificato il corpo di Marco Gottardi, tra le vittime della Grenfell Tower di Londra. L’identificazione è giunta quasi un mese dopo l’incendio perché è stato necessario l’esame del Dna per avere la certezza che il corpo ritrovato fosse ufficialmente il suo.

Una procedura essenziale, come richiedono le autorità quando ci sono accadimenti di questa portata, anche se fin da subito si era capito che Marco, insieme alla sua fidanzata Gloria Trevisan, era tra coloro che hanno perso la vita nell’incendio scoppiato la notte del 14 giugno.

Le telefonata che i due ragazzi avevano effettuato alle 3 di notte ai loro genitori, dal loro appartamento al 23esimo quando il palazzo era ormai avvolto completamente dalle fiamme, non lasciava adito ad altro tipo di speranze.

Con l’identificazione del corpo dei due fidanzati (nella foto in alto), quello di Giulia avvenuto lo scorso 3 luglio grazie all’impronta dentaria e quello di Marco come anticipato grazie all’esame del Dna solo pochi giorni fa, sale a oltre 80 il numero delle vittime accertate.

Ma il numero sembra dover ancora crescere, dato che proprio in queste ore le autorità hanno confermato che ad oggi sono 255 le persone sopravvissute, 14 quelle residenti nel palazzo ma che al momento dell’incendio fortunatamente non erano lì. Mentre ammonta a 41 il numero delle persone ancora non identificate. E, si presuppone, che tra queste ci siano altre vittime per le quali ancora non è stato dato ufficialmente un nome e cognome.