Inaugurato stamane il diretto Amsterdam-Londra. Ma a bordo non c’è quasi nessuno

In quattro ore si possono raggiungere le due città. Ma la pandemia da coronavirus ha ridotto di molto gli spostamenti delle persone

Inaugurato stamane il diretto Amsterdam-Londra. Ma a bordo non c’è quasi nessuno

 

Sarebbe dovuta essere una festa e invece le attuali restrizioni dovute all’emergenza sanitaria l’hanno ridotta a una classica partenza, come tante ce ne sono e ce ne saranno in futuro.

Parliamo del nuovo Eurostar diretto da Amsterdam a Londra che ha lasciato stamane, per la prima volta, la stazione della capitale olandese alle 7:47 con arrivo nella capitale inglese alle 10.57 orario locale, dopo poco più di quattro ore di viaggio con stop a Rotterdam Bruxelles e Lille.

Prima della tratta diretta, chi dalla capitale olandese voleva raggiungere quella inglese via rotaia doveva cambiare in stazioni intermedie, come Parigi o Bruxelles, portando anche a oltre le sei ore la durata totale del viaggio. Differente era invece per il viaggio nella direzione opposta (Londra-Amsterdam) che gà da aprile 2018 era possibile coprire in maniera diretta.

Invece ora in quattro ore si possono raggiungere, in un verso e nell’altro, le due metropoli senza mai lasciare il proprio posto, attraversando la Manica, a un costo che in casi di offerta speciale e acquisto con largo anticipo arriva anche a £40/44€ a tratta.

Una vera novità per i tanti frontier workers che lavorano in un paese e vivono nell’altro, abituati a fare i pendolari tra un weekend e l’altro.

Oltre al fatto, poi, che in piena Brexit l’aspetto che due grandi città, come Londra e Amsterdam, possano essere ancora più unite di prima è di buon auspicio per i futuri rapporti con alcuni paesi chiave europei, una volta che l’UK è definitivamente uscito dall’UE.

Purtroppo, però, come accennato la festa per questa nuova tratta diretta non c’è stata, perché le attuali misure restrittive a causa dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia da coronavirus obbligano a prendere il treno solo ed esclusivamente in caso di viaggi essenziali, sia nel Regno Unito che in Olanda. Ecco che il Londra-Amsterdam delle 8:04 e l’Amsterdam-Londra delle 7:47 erano quasi del tutto vuoti.

Eurostar, la compagnia che gestisce la tratta, era consapevole delle misure restrittive in atto, per tale motivo ha offerto comunque un voucher da utilizzare per le prossime prenotazioni a tutti coloro che avevano acquistato in anticipo il viaggio ma poi hanno dovuto rinunciare all’ultimo momento, rimandando a tempi migliori l’esperienza di lasciare il cuore di Amsterdam e giungere nel cuore di Londra senza mai scendere da un treno per risalire su un altro.

@AleAllocca


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.