Pronto il “Nightingale”, l’ospedale dedicato all’infermiera di origini italiane

Realizzato a Londra in una settimana per affrontare l'emergenza coronavirus: 500 posti letto nel polo fieristico dell'Excel

Pronto il “Nightingale”, l’ospedale dedicato all’infermiera di origini italiane

 

Il nuovo ospedale da “campo” con i primi 500 posti letto realizzato all’interno dell’Excel di Londra è pronto (foto in alto). E’ stato intitolato a Florence Nightingale, l’infermiera di origini italiane, nata a Firenze nel maggio del 1820 (dove ha trascorso l’infanzia prima di trasferirsi nella capitale inglese con i genitori) considerata la fondatrice del moderno sistema infermieristico britannico.

Si trova all’interno del polo fieristico nel sud est della capitale ed è uno dei cinque che il governo ha organizzato in tempo di record per affrontare un eventuale picco del contagio dovuto al corinavirus. Gli altri quattro si trovano a Birmingham, Cardiff, Glasgow e Manchester.

L’allestimento dei 500 posti letto, su una capienza massima di 2000, è stato reso possibile in appena una settimana grazie a un lavoro di squadra tra personale militare e personale sanitario dell’NHS. Ogni box è dotato di tutto l’equipaggiamento necessario per prendere in cura i pazienti affetti da covid-19 che mostrano lievi sintomi. I casi più gravi, infatti, saranno sempre tenuti in terapia intensiva all’interno dei tradizionali ospedali.

Secondo il nuovo rapporto giornaliero stilato dal Public Health England insieme al Department for Health and Social Care, ad oggi sono 25.150 i casi in tutto l’UK di cui 7.121 solo nella capitale inglese. I decessi totali sono 3.009.

Per il momento l’interno sistema sanitario nazionale sta reggendo la crescita della curva dei contagi ma gli esperti affermano che se dovesse esserci una falla nel sistema di contenimento messo in atto dal governo, con la chiusura delle attività non necessarie e gli inviti forzati a rimanere a casa, allora saranno necessari altri posti letto perché quelli a disposizione dell’NHS non saranno sicuramente sufficienti.

Da qui la volontà di creare cinque nuovi ospedali da “campo” in tutto il Regno Unito, di cui uno all’interno dell’Excel, proprio per prepararsi al peggio anche se ad oggi non è previsto il loro effettivo utilizzo.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.