Hyde Park si colora con la London Mastaba: ecco la nuova opera di Christo

Fino al 9 settembre la scultura dominerà la scena nel Serpentine Lake. E' la più grande installazione dell'artista bulgaro nel Regno Unito

Hyde Park si colora con la London Mastaba: ecco la nuova opera di Christo

 

Si chiama “The London Mastaba” e sarà visitabile fino al 9 settembre. Una monumentale installazione formata da oltre 7mila barili galleggianti sta dominando la scena del Serpentine lake, all’interno di Hyde Park. Gli autori sono la coppia Christo e Jeanne-Claude (scomparsa nel 2009), già famosi per un’installazione simile realizzata sul lago d’Iseo nel 2016: una passerella di plastica conosciuta come “The Floating Piers” realizzata con un materiale che dava la sensazione di camminare sull’acqua.

Il nome “Mastaba” deriva dalle antiche tombe egizie e da un loro genere architettonico in particolare. La forma è quella di una piramide senza punta, con una base rettangolare di 30 metri per 40. Il gioco di colori voluto dagli artisti è un modo per contrapporsi all’austero tema della morte.

In una struttura alta 20 metri, i barili di polietilene sono disposti orizzontalmente e sono incastrati in modo da apparire come un unico grande blocco colorato. Impossibile non notarli: rosa, blu, bianchi e viola, la scultura pesa 600 tonnellate e svetta all’interno dei vasti spazi di Hyde Park. Anche Londra conoscerà così un grande lavoro di Christo e Jeanne-Claude, dopo altri ambiziosi progetti come il “Wrapped Coast” di Sydney nel 1968 e il “Wrapped Reichstag” di Berlino nel 1971.

Da oltre due mesi l’installazione ha impegnato operai e ingegneri nel cuore di uno dei parchi più famosi di Londra. Il lavoro ha richiesto la collaborazione di aziende specializzate come JK Basel, Deep Dive System e Coventry Scaffolding.

L’intenzione di Christo è quella di creare un universo brioso che prenda vita grazie all’acqua del Serpentine lake. Infinite sfumature di diverse tonalità, generate dal riflesso di un’installazione appariscente. Una proiezione astratta nella collocazione strategica di una delle zone più frequentate della City, soprattutto in primavera.

Gli artisti, nati lo stesso giorno, il 13 giugno 1935, lui bulgaro e lei marocchina, hanno reso noti molti posti grazie alla loro arte ambientale avanguardista, basata su imponenti installazioni inserite in differenti contesti naturali e urbani. L’artista ha portato avanti i suoi progetti anche dopo la scomparsa della moglie. A Londra è ora possibile apprezzare la loro ultima e sontuosa opera, la più grande che abbia mai portato la loro firma nel Regno Unito.

“The London Mastaba” non richiede l’acquisto di un biglietto, rispettando il desiderio degli artisti di realizzare un’opera facilmente accessibile e in cui gli spettatori possano imbattersi anche senza la volontà di vederla.