Gloria e Marco: a Londra il concerto e un premio per non dimenticare

La giovane coppia tra le vittime dell'incendio alla Grenfell Tower. La loro storia diventa una fiaba a lieto fine

Gloria e Marco: a Londra il concerto e un premio per non dimenticare

 

Erano rimasti bloccati fra le fiamme della Grenfell Tower, il 14 giugno 2017, e sono morti insieme ad altre 87 persone. Ma la loro storia ha lasciato un segno indelebile, soprattutto in chi ha avuto modo di conoscerli personalmente, e sta dando vita a una serie di tributi per celebrarne il ricordo.

Lo studio di architettura Peregrine Bryant ha deciso di dedicare a Gloria Trevisan e Marco Gottardi un concerto di beneficenza che si terrà la sera di mercoledì 13 giugno, a un anno di distanza dall’incendio nella torre di North Kensington. Nella chiesa di All Saints Fulham, dove avrà luogo il concerto, saranno suonati e cantati brani di  Monteverdi, Vivaldi e Purcell. In scena come solisti, oltre il coro e l’orchestra, Kate Ashby e Eleanore Minney, diretti da Oliver John Ruthven. Ci sarà a seguire un ricevimento al Fuhlam Palace, sede londinese della Peregrine Bryant.

Presso questo studio di architettura Gloria Trevisan aveva appena iniziato a lavorare. «Una ragazza dalle grandi prospettive lavorative», hanno detto i rappresentanti dello studio in occasione della presentazione del premio lanciato lo scorso anno per aiutare i giovani laureati italiani. «Una perdita per la quale siamo devastati, proprio come per la morte di Marco Gottardi».

Il ricavato del concerto andrà al premio intitolato al loro nome istituito già da un anno: il «Gloria e Marco Award».  Un premio dedicato ad aiutare i giovani laureati italiani interessati alla conservazione in architettura, l’ambito in cui lavoravano Gloria e Marco.  Sono previste oltre 7mila sterline, che serviranno a coprire le spese del viaggio e della sistemazione a Londra. Poi la possibilità di frequentare corsi e fare esperienza nel campo dell’ingegneria elettronica e strutturale, in alcuni casi rivolta alla conservazione di edifici storici presenti nel Regno Unito.

I vincitori di questa edizione dovrebbero poter arrivare in Gran Bretagna già da agosto. I promotori dell’iniziativa sperano che i fondi raccolti possano permettere anche la realizzazione di un programma internazionale più ampio, magari da consolidare in futuro con la collaborazione di alcuni atenei.

In Italia, la famiglia e gli amici di Marco Gottardi hanno deciso di rendere la vicenda una fiaba per bambini che lo ha per protagonista, con la differenza che la tragedia della Grenfell Tower ha, in questo caso, un lieto fine. Daniela Burigotto, la mamma di Marco, ha raccontato il suo dolore in una commovente intervista alla BBC :  «Perdere un figlio è qualcosa di sconvolgente, un’esperienza che non auguro a nessuno. Sarei morta con lui. Con questo libro raccontiamo in una storia illustrata la bella persona che era».  

 

Un disegno del libro “Il cavaliere e la principessa” (fonte: BBC)

 

«Marco è stato sempre raggiante, anche sulla sua partenza a Londra», racconta un’amica che ha collaborato alla realizzazione del libro.  «Nonostante tutto quello che è successo a me piace ricordarlo così, come racconta la storia. Un cavaliere che, fuggendo dal castello infuocato, salva la sua principessa e vola via». Il libro, intitolato “Il cavaliere e la principessa”è stato tradotto in inglese e sarà distribuito in alcune scuole di Londra.

L’Istituto italiano di Cultura, in collaborazione con il Consolato Generale, presenterà la fiaba lunedì 11 giugno alle ore 5 presso la propria sede londinese di Belgrave Square, in un incontro dove la stessa autrice Daniela Burigotto leggerà alcuni passi del libro e dove saranno mostrate le illustrazioni di Roberta Gattel.

L’evento sarà un sostegno, anche economico, per Grenfellove, la Fondazione creata dalla famiglia Gottardi per ricordare Marco e Gloria promuovendo l’istruzione fra i giovani.