Gloria e Marco, tra musica e letture Londra ricorda le due giovani vittime

Serie di eventi per non dimenticare, in occasione della ricorrenza a un anno dalla tragedia della Grenfell Tower

Gloria e Marco, tra musica e letture Londra ricorda le due giovani vittime

 

Il prossimo 14 giugno cadrà il primo anniversario dall’incendio della Grenfell Tower di Londra, una tragedia in cui persero la vita 72 persone, fra cui Marco Gottardi e Gloria Trevisan, trasferitisi poche settimane prima nella capitale inglese per lavoro.

Lo studio di architettura Peregrine Bryant, per il quale lavorava la ragazza italiana, dedicherà a Gloria e Marco un concerto di beneficenza che si terrà la sera di mercoledì 13 giugno. Nella chiesa di All Saints Fulham, dove avrà luogo l’evento (qui dove prendere le informazioni a riguardo), saranno suonati e cantati brani di  Monteverdi, Vivaldi e Purcell. Ci sarà a seguire un ricevimento al Fuhlam Palace, sede londinese della Peregrine Bryant.

Il ricavato del concerto andrà al premio intitolato al loro nome istituito già da un anno: il «Gloria e Marco Award». Sono previste oltre 7mila sterline per una borsa di studio, che serviranno a coprire le spese del viaggio e della sistemazione a Londra. Poi la possibilità di frequentare corsi e fare esperienza nel campo dell’ingegneria elettronica e strutturale, in alcuni casi rivolta alla conservazione di edifici storici presenti nel Regno Unito.

Sempre ai due giovani ragazzi sono dedicato altri due eventi organizzati all’Istituto Italiano di Cultura in Belgrave Square due giorni prima, nel pomeriggio di lunedì 11 giugno. Il primo, alle 17, coinvolgerà maggiormente i bambini e sarà la presentazione di un libro, la fiaba a lieto fine scritta da Daniela Burigotto, mamma di Marco, dove un cavaliere e la sua principessa riescono a fuggire da una torre minacciata dalle fiamme di un drago. Burigotto leggerà il libro al pubblico, proprio come in passato era solita fare con il piccolo Marco prima che, crescendo, diventasse un architetto e si trasferisse nel Regno Unito. La famiglia Gottardi sarà presente anche per promuovere la fondazione “Grenfellove”, creata dopo la tragedia per incentivare l’educazione dei giovani attraverso delle borse di studio.

Il secondo incontro, alle 18.30, vedrà protagonista lo scrittore e poeta nigeriano Ben Okri, già vincitore del Booker Prize, che lo scorso anno compose una poesia sull’incendio della Grenfell. Ben Okri, ora residente a Londra, è stato fra i più giovani autori a ottenere dei riconoscimenti letterari, raccontando il proprio Paese attraverso la scrittura di opere come The Famished Road e Songs of Enchantment. Queste opere formano una trilogia insieme a Infinite Riches, tanto da renderlo fra i più prolifici scrittori africani contemporanei.

Entrambi gli eventi dell’Istituto sono gratuiti , e per prenotare la propria partecipazione è possibile iscriversi visitando il sito dell’Istituto Italiano di Cultura a questo indirizzo web.