A Londra la fiera delle borse di studio: così i college inglesi costano meno

Torna sabato 2 giugno a Londra l'UK University Fair dove gli studenti di tutta Europa incontreranno i rappresentanti delle maggiori università del Regno Unito

A Londra la fiera delle borse di studio: così i college inglesi costano meno

 

Studiare in Gran Bretagna è il sogno di molti giovani europei. Il Regno Unito appare loro come la destinazione ideale per almeno tre ragioni. Anzitutto esistono atenei prestigiosi, cui sono collegati centri di ricerca che garantiscono agli studenti migliori di partecipare a progetti internazionali di ampio respiro. Secondariamente l’offerta è ampia, le specializzazioni variegate e i corsi diversi da quelli che si trovano negli atenei tradizionali, in Italia come in altre nazioni europee. Infine in Inghilterra gli studenti vengono coccolati e trattati con i guanti bianchi, al punto che nella classifica internazionale delle città universitarie preferite dagli studenti Londra si è appena aggiudicata il primo posto.

A fronte di tanti vantaggi, resta però il nodo dei costi, che in Gran Bretagna risultano più elevati. Anche se in realtà diventa facile affrontarli, nel momento in cui si riesce ad accedere a finanziamenti e borse di studio. Chi teme che si tratti di un’impresa ardua, può trovare aiuto visitando la UK University Fair 2018, la più grande fiera sull’università del Regno Unito, promossa da SI-UK, società che si occupa di aiutare i giovani italiani ed europei a trovare occasioni di formazione in Gran Bretagna.

Sabato 2 giugno, dalle 12 alle 17, al Royal Lancaster London (presso Lancaster Terrace), i rappresentanti di cento università saranno a disposizione degli allievi per fornire spiegazioni sulla vita del campus, i corsi, le attività extracurriculari. Verrà anche offerta la possibilità di iscriversi a coloro che hanno le idee chiare e hanno voglia di mettersi alla prova.

Un’opportunità utile per scoprire in un solo sguardo il panorama degli atenei emergenti, che soprattutto offrirà anche una visione chiara delle possibili forme di finanziamento. Non tutti sanno, infatti, che le borse di studio sono la norma nel Regno Unito. In genere vengono garantiti sconti sulle tasse o fondi con percentuali variabili sul costo complessivo del corso. Qualcuno arriva ad offrire fino a 5mila sterline ai ragazzi, altri si fermano a duemila.

Esistono premi di studio erogati dai singoli atenei, come dimostrano le offerte di Bath, Brighton, Sussex, Reading, Plymouth o East Anglia, per citarne alcune. Ma ci sono anche formule di finanziamento promosse da associazioni benefiche che sostengono l’inclusione e l’universalità dello studio o sostenute da gruppi finanziari e banche internazionali, a caccia di talenti per il futuro.

Il panorama delle proposte varia, a seconda del tipo di richiesta avanzata dall’allievo, delle sue caratteristiche economiche e delle sue capacità. I voti conquistati durante il percorso scolastico giovano, ma non sono il solo elemento, visto che nella domanda per la borsa di studio vanno segnalati anche altri aspetti della storia personale dell’allievo.

Per destreggiarsi tra la burocrazia e presentare la domanda migliore, si può chiedere aiuto al team di SI-UK, che alla fiera di giugno sarà a disposizione per chiarire questioni pratiche, curare aspetti tecnici, suggerire le opportunità a disposizione. Durante la giornata, poi, verranno anche organizzati dei seminari per insegnare come preparare un curriculum vincente e per valutare a che punto è uno studente per ottenere certificati sulla lingua e visti.

UK University Fair 2018 – sabato 2 giugno dalle 12 alle 17 al Royal Lancaster London (Lancaster Terrace W2 2TY) – ingresso gratuito per tutti gli studenti provenienti dal resto dell’Europa. Qui il sito internet ufficiale

 

Articolo sponsorizzato da SI-UK