Ecco quando torneremo a volare da Londra all’Italia

Fino a fine giugno pochissimi collegamenti molto costosi. Dal 1 luglio tornano a volare Ryanair e Easyjet

Ecco quando torneremo a volare da Londra all’Italia

 

Pochissimi collegamenti e parecchio costosi fino a fine Giugno. Maggiori possibilità e tariffe più basse a Luglio, quando Ryanair e altre low cost ricominceranno gradualmente a volare sul Belpaese. È così che appare la situazione dei collegamenti aerei tra Londra e l’Italia. Ma vediamo in dettaglio.

L’unica compagnia che continua a garantire un collegamento diretto tra Londra e l’Italia (Roma) è l’Alitalia. Il vettore opera un volo al giorno, dove però è difficile trovare posto e le tariffe sono particolarmente elevate. Guardando sul sito, le prime disponibilità si trovano tra nove giorni, domenica 24 maggio e solo in Business Class (costo €457.81 one-way). Per trovare disponibilità in classe economica bisogna aspettare giovedi 28 maggio, con tariffe comunque elevate (£180.91 one-way in Economy Light, senza diritto al bagaglio). Per spendere meno (£102.37) bisogna attendere luglio.

British Airways ha cancellato tutti i collegamenti sull’Italia fino a metà giugno. Il primo volo Londra-Roma al momento è quello del 19 Giugno, in vendita con tariffe più basse di quelle di Alitalia (£97 in economy). Anche BA sembra intenzionata a riprendere con maggiore intensità nel mese di Luglio. Dal primo luglio il sito offre ben dieci voli al giorno su Fiumicino (sette da Heathrow e tre da Gatwick), con prezzi accattivanti (a partire da £54) ma è difficile sapere se questi voli saranno confermati o piuttosto cancellati nelle prossime settimane. Solo pochi giorni fa Willie Walsh, il CEO del gruppo che controlla BA, ha annunciato una drastica riduzione del personale e ha messo in dubbio la ripartenza prevista per Luglio, alla luce dell’annuncio di Boris Johnson di voler introdurre una quarantena di 14gg per tutti i passeggeri in arrivo via aereo in UK.

Chi sembra avere le idee più chiare è Ryanair. La compagnia low-cost, che attualmente opera pochissimi voli, ha annunciato ieri un piano preciso per riprendere a volare in modo sostenuto a partire dal prossimo 1 Luglio. Per quella data il vettore irlandese conta di avere rimesso in piedi quasi del tutto il suo network, arrivando a coprire il 90% delle destinazioni, seppur con frequenze ridotte. I voli attivi infatti saranno circa il 40% del totale.

Da Londra a Roma sarà attiva una frequenza giornaliera (partenza alle 13.10 da Stansted con arrivo a Ciampino alle 16.35), con tariffe a partire da £43.99, in linea con la filosofia low-cost del vettore. Situazione analoga per Bergamo, che sarà collegata con un volo al giorno (tariffe da £27.99), mentre tutte le altre destinazioni italiane, da Palermo a Genova, saranno raggiunte con pochi voli a settimana. Tutti peraltro già in vendita sul sito ryanair.com.

Tra le misure annunciate da Ryanair per mitigare i rischi di contagio c’è l’introduzione di nuovi apparecchi touchless in fase di check-in, la sanitizzazione dell’aeromobile a ogni scalo, e il divieto di alzarsi per andare in bagno durante il volo senza approvazione degli assistenti di volo. Nessuna limitazione invece al numero di persone imbarcate: i posti centrali saranno venduti e occupati normalmente.

Ripartenza probabile per il 1 luglio anche per Easyjet, che fino a quella data non opera alcun volo. Attualmente sono in vendita quattro voli giornalieri da Gatwick e uno da Luton su Fiumicino, con prezzi a partire da £46.99, ma cosi come per BA appare improbabile che venga mantenuta un operativo con cosí tante frequenze, ed è possibile che alcuni di questi voli saranno cancellati.

Chi volesse comunque rientrare in questi giorni, e fino alla fine di Giugno, può comunque trovare altre opzioni facendo scalo. Alcune opzioni possibili sono volare con Lufthansa via Francoforte, Wizzair via Chisinau (Moldavia), Aer Lingus via Dublino, o Air France via Parigi, per citarne solo alcune. Ma ovviamente in questi casi bisogna mettere in conto lunghe attese nell’aeroporto di transito e costi comunque elevati.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.