Da lunedì guidare dentro Londra costerà 15 sterline al giorno

Aumenta il valore della congestion charge e sarà estesa a tutti i giorni della settimana

Da lunedì guidare dentro Londra costerà 15 sterline al giorno

 

Da lunedì prossimo, 22 giugno, guidare nel centro di Londra costerà £15. Si tratta della congestion charge che subirà un aumento di £3,50 rispetto alle £11,50 che si sono dovute pagare fino a oggi. Inoltre, la validità sarà estesa a tutti i giorni della settimana, quando normalmente copriva solo dal lunedì al venerdì, e dalle 07 alle 22 rispetto all’attuale limite delle ore 18.

La decisione è stata presa dalla TFL, la società pubblica del Comune che gestisce tutti i trasporti pubblici e le concessioni per guidare sulle strade cittadine, sia per dare nuovo ossigeno alle casse comunali, dopo le sostanziose perdite generate dal lockdown a causa della pandemia da coronavirus, e sia per diminuire sempre di più il livello di inquinamento da gas di scarico nel cuore della capitale inglese.

Infatti, sono proprio gli spostamenti in auto dentro Londra ad essere aumentati in maniera considerevole da quando è scattata la nuova fase con l’alleggerimento di molte misure restrittive.

Secondo il monitoraggio quotidiano elaborato dalla Apple attraverso i suoi smartphone (che per diffusione nella popolazione cittadina possono essere considerati un campione molto attendibile) alla giornata di ieri proprio gli spostamenti su mezzi privati hanno registrato un -25% rispetto al periodo pre covid, contro il -51% degli spostamenti a piedi e -64% sui mezzi pubblici.

La considerevole differenza tra spostamenti su mezzi privati e su mezzi pubblici, è dettata soprattutto dal fatto che in molti si sentono sicuramente meno a rischio contagio muovendosi con la propria auto, rispetto a salire su un vagone della Tube o in un bus.

Come contropartita, però, è aumentato il livello dell’inquinamento. Per scoraggiare i cittadini a girare sui propri mezzi e ad affidarsi invece a quelli pubblici, ecco che la TFL ha deciso di aumentare il valore della congestion charge estendendola a tutti i giorni della settimana.

L’obiettivo, secondo una comunicazione ufficiale della stessa azienda, è di ridurre anche le emissioni di sostanze inquinanti fino all’11%, il che sarebbe un buon modo per sfruttare alcuni dei benefici ottenuti durante le settimane di lockdown.

Ci saranno alcune speciali esenzioni, ad esempio non la dovrà pagare chi sarà alla guida di un mezzo Euro 6 (benzina e diesel) che non emette più di 75g/km di CO2, e ovviamente chi è alla guida di un mezzo totalmente elettrico. Mentre a partire da ottobre 2021 l’unica esenzione sarà solo per i mezzi 100% elettrici.

Altre speciali scontistiche o esenzioni saranno dedicate ai dipendenti delle autorità locali, a chi lavora nelle associazioni di volontariato, al personale NHS e a coloro che si devono recare negli ospedali del centro in qualità di pazienti.

Tutti dettagli sulla congestion charge possono essere trovati sul sito ufficiale a questo indirizzo.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.