Consolato italiano a Londra: il rientro dalle vacanze sarà con una marcia in più

Dal 27 agosto entreranno in funzione i nuovi uffici per aumentare la produttività e smaltire le pratiche arretrate

Consolato italiano a Londra: il rientro dalle vacanze sarà con una marcia in più

 

Il rientro dalle vacanze per il Consolato italiano di Londra sarà con una marcia in più. Dal 27 di agosto, secondo quanto comunicato da una nota ufficiale dell’ente, prenderanno il via le attività nella nuova sede distaccata a pochi passa dall’attuale presso l’Harp House al numero 83 di Farringdon Street (EC4A 4BL). Si tratta però di una sede non aperta al pubblico ma esclusivamente dedicata ad aumentare la produttività anche attraverso lo smaltimento delle pratiche arretrate.

Questa grazie non solo all’individuazione dei nuovi uffici ma anche all’ampliamento della pianta organica con l’assunzione di 5 impiegati a tempo indeterminato e 25 a tempo determinato che diventeranno operativi nei prossimi mesi.

Si tratta di operazioni realizzate grazie alle risorse aggiuntive contenute nel decreto Brexit, varato dal Governo e sostenuto dalla Farnesina per garantire tutti i servizi consolari ai cittadini italiani nel caso di una uscita del Regno Unito dall’Unione Europea anche senza un accordo.

Negli ultimi tre anni proprio il Consolato italiano a Londra ha registrato una crescita dei connazionali iscritti all’Aire pari al 23% passando dai 280mila nel 2016 ai 345mila al 31 luglio. Anche le pratiche collegate ai passaporti hanno registrato una impennata, soprattutto a giugno classico mese che precede il periodo di vacanze, arrivando alla cifra record di 3214 passaporti consegnati, una media di 160 al giorno.

Viviamo nella città estera con il più alto numero di connazionali di tutta la rete diplomatico-consolare e la prima per documenti emessi – ha dichiarato il Console Generale Marco Villani – ciò ci consegna una grossa responsabilità in un momento di incertezza per i cittadini europei del Regno Unito; grazie alle maggiori risorse assegnateci, sono certo che nei prossimi mesi potremo riequilibrare la domanda e l’offerta di servizi venendo incontro alle esigenze dei connazionali”.


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.