Berrettini, esordio in salita alle ATP Finals di Londra

Il tennista romano ha perso 6-2 6-1 contro Djokovic nell'02 Arena di North Greenwich

Berrettini, esordio in salita alle ATP Finals di Londra

 

È durato poco piú di un’ora il primo match di Matteo Berrettini all’ATP Nitto Finals di Londra, il torneo che raccoglie i migliori otto giocatori al mondo.  Una partita dominata dal suo avversario, il numero uno al mondo Novak Diokovic, che ha vinto facilmente 6-2 6-1.

Il pubblico del TheO2 non ha fatto mancare il suo sostegno al tennista romano (“Daje Matte’”), ma per Berrettini il match è apparso subito difficile contro un Djokovic preciso ed efficace con i suoi colpi, fino a portare Berrettini all’errore. Due break (al sesto e all’ottavo game) permettono al serbo di chiudere il set 6-2.

Nel secondo game del secondo set, già sotto 1-0, Berrettini infiamma il pubblico con una serie di colpi vincenti, ma viene tradito da due doppi falli e subisce un altro break. È il segnale che oggi non c’è proprio nulla da fare. Troppo facile per Djokovic che chiuderà il set 6-1 vincendo in scioltezza.

Penso di avere giocato un buon match, ho servito bene” ha detto Berrettini in conferenza stampa dopo la partita, “ma non è un mistero che Djokovic è il miglior risponditore del circuito. Cercavo di stargli dietro ma non ci riuscivo. Mi sono sentito in un flipper”.

Torneo in salita per Berrettini, che avrà la possibilità di recuperare nei prossimo giorni giocando contro Thiem e Federer. Ma è giusto dire che per il tennista romano essere a Londra tra i migliori otto giocatori al mondo è già un risultato straordinario, e la degna conclusione di una stagione da incorniciare.

Federer, Nadal e Djokovic, in particolare, sono stati, e sono ancora, i miei idoli.” conclude Berrettini sorridendo, “e qui mi trovo a parlare con loro di come é stata la mia stagione, di come faro’ la preparazione e di dove andro’ in vacanza”.


Brexit, attualità, cronaca, lavoro eventi.  Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.