Londra, un morto e cinque feriti: attacco col coltello in Russell Square. Fermato 19enne

Nonostante la Met ammetta che il disagio mentale sembra essere "un fattore significativo" nel caso, la pista terroristica "rimane".

Londra, un morto e cinque feriti: attacco col coltello in Russell Square. Fermato 19enne

 

Una donna è stata accoltellata a morte e altre cinque persone sono state ferite nella notte tra mercoledì e giovedì. E’ accaduto alle 10.30 pm di ieri sera (le 23.30 italiane) a Londra, in Russell Square. La piazza, una delle più frequentate della capitale, si trova in pieno centro cittadino. Il presunto autore del gesto, un diciannovenne che potrebbe soffrire di disturbi mentali, è stato arrestato con l’accusa di omicidio. Gli investigatori non escludono il movente terroristico e stanno passando al setaccio la vita del giovane, per appurare se fosse in contatto con gruppi radicali.

CINQUE FERITI – I feriti, una donna e quattro uomini, sono stati trasportati in ospedale per ricevere le cure del caso. Tre di loro sono già stati dimessi.
La polizia è stata chiamata poco dopo le 1030 pm, ed è intervenuta utilizzando il Taser, un manganello elettrico, per immobilizzare l’uomo. Il sospetto ora si trova in una stazione di polizia del sud di Londra. La zona è stata transennata e sono in corso i rilievi.

POLIZIA PER LE STRADE – L’attacco arriva proprio mentre la polizia sta aumentando la propria presenza nelle strade della città, e a pochi giorni dalla dichiarazione del capo degli agenti sul fatto che un attentato a Londra è probabile: “E’ una questione di quando, non di se” ha affermato sir Bernard Hogan-Howe.

SEGNALARE I SOSPETTI –  Nonostante la Met ammetta che il disagio mentale sembra essere “un fattore significativo” nel caso,  la pista terroristica “rimane”. Il sindaco Sadiq Khan ha invitato la popolazione a mantenere la calma e a segnalare alle forze dell’ordine qualsiasi atteggiamento sospetto: “Recitiamo tutti un ruolo importante come occhi e orecchie per i nostri servizi di sicurezza e per assicurarci che Londra sia protetta” ha affermato in una nota.

AGGRESSIONI CON IL COLTELLO – Per cogliere il dubbio degli inquirenti sul movente, però, bisogna considerare il fatto che le aggressioni con il coltello sono un tragico problema della capitale britannica, soprattutto tra i giovani. Lo stesso Khan a inizio luglio, dopo l’ennesima vittima, ha annunciato lo stanziamento di 400.000 sterline in progetti di prevenzione: negli ultimi due anni, gli attacchi sono aumentati del 16%, rendendo urgente un intervento.

Aggiornamento: la polizia ha affermato che probabilmente l’attacco di Russell Square è stato originato da “disagio mentale” e che le vittime sarebbero state “scelte a caso”. La svolta delle indagini nella mattinata di giovedì.

Antonio Piemontese
@apiemontese