Mille operazioni in una settimana: il tour de force del primario Vincenzo Maurino al Moorfields Hospital

L'esperto oculista e il suo team hanno recuperato buona parte degli interventi saltati durante il lockdown a causa del coronavirus

Mille operazioni in una settimana: il tour de force del primario Vincenzo Maurino al Moorfields Hospital

 

In tempi straordinari servono soluzioni fuori dall’ordinario.  È questa la sintesi del lavoro di equipe orchestrato dal Moorfields Hospital, l’ospedale oftalmico di Londra, e dal primario oculista Vincenzo Maurino, per dare una decisa sforbiciata alla lunga lista d’attesa per le operazioni di cataratta, sospese nei mesi del lockdown.

Supportato da oltre 80 volontari, dal personale sanitario e dalla dirigenza dell’ospedale londinese, il primario italiano è stato regista di un impressionante tour de force che ha permesso di eseguire quasi 1.000 operazioni di cataratta in una sola settimana, riducendo drasticamente il carico di lavoro che si era accumulato nei mesi passati a causa del Covid-19.

Un’azione decisa se si considera che in ciascun giorno è stato eseguito lo stesso numero di operazioni normalmente svolte in una settimana, circa 140. Uno straordinario sforzo organizzativo che ha permesso, a pazienti da mesi in attesa dell’operazione, di recuperare una visione ottimale compromessa dall’offuscarsi del cristallino nell’occhio, tipico della cataratta. Un’azione per la quale il Moorfields, il piú grande centro oculistico d’Europa, ha temporaneamente ridotto l’attività privata, dedicando ai pazienti della NHS 8 delle sue 10 sale operatorie, mantenendone 2 per le emergenze chirurgiche.

Per rendere l’intero processo sicuro e Covid-free, al Moorfields è stato studiato e praticato un protocollo ad acta che prevedere l’isolamento per tre giorni del paziente, preventivamente sottoposto a tampone per verificare la presenza o meno del virus.

Attestati di stima e supporto sono arrivati da più parti per il pregevole sforzo dello staff dell’ospedale londinese, attirando l’attenzione di BBC News, che ha dedicato un suo servizio all’iniziativa.

Intervistato dalla BBC il primario Maurino ha spiegato: “Abbiamo quadruplicato lo sforzo per tagliare drasticamente la lista d’attesa cresciuta in quattro mesi di tempo. Non sappiamo cosa ci aspetta in questi prossimi mesi, quindi vogliamo imparare da questa esperienza ed eventualmente replicarla. Dobbiamo adattarci” conclude il primario.

Nel Regno Unito due milioni di pazienti attendono da sei mesi di essere sottoposti ad operazioni cosiddette di routine, passate in secondo piano per via dell’emergenza Covid, ma questo ha inciso profondamente sulla qualità della loro vita. Il protocollo del Moorfields e del professor Maurino e la sua esperienza, ora, possono rappresentare un precedente e un modello per dare loro risposte a lungo attese, non solo in UK ma magari anche in Italia.


Emergenza Coronavirus, Brexit, attualità, cronaca, lavoro, eventi. Il meglio delle notizie di Londra Italia in una email settimanale da non perdere. Iscriviti ora, è gratis.